21102017Headline:
Promossi & bocciati

Sandro Mancinelli

Primarie/1. Il leader dei fan di Matteo Renzi in terra di Tuscia viterbese gongola. La valanga dei voti riversati sul sindaco di Firenze ribadisce “lo stesso risultato delle primarie dello scorso anno, depurate della componente Sinistra ecologia libertà; un bel risultato che ci carica molto”. E allora chapeau.

Andrea Egidi

Primarie/2. E va bene che ha sostenuto Gianni Cuperlo, travolto dalla valanga genziana. Ma riconoscere che la sconfitta del dalemiano “è l'ultima conseguenza della segreteria Bersani segnata da tanti passaggi a vuoto, dalla figuraccia per il voto del Capo dello Stato fino al Governo delle larghe intese”, significa che il ragazzo, quando vuole, è in grado di ragionare “da per sé”, senza suggeritori.

Alessandro Mazzoli

Primarie/3. Anche il deputato ha sostenuto Cuperlo e ora, di fronte alla vittoria di Renzi, manda a dire che “rispetto a questo al risultato dell’8 dicembre serve lealtà e schiettezza nei confronti del nuovo segretario”. Con la speranza che non sia la stessa lealtà e schiettezza praticata nei confronti di Romano Prodi, candidato alla presidenza della Repubblica e poi uccellato dalla carica dei 101…

Stefano Calcagnini

Primarie/4. Grazie alla memorabile frase (“Ugo Sposetti, Alessandro Mazzoli, Andrea Egidi ed Enrico Panunzi riflettano sull’esito del voto”) il segretario comunale del Pd ha vinto il primo premio del concorso "Strano, molto strano che si sia dimenticato di invitare alla riflessione anche l’altro leader viterbese, il cui cognome comincia con Fior e finisce con oni".
Portale realizzato da