22112017Headline:
Promossi & bocciati

Marcello Meroi

Provincia/1. Il presidente della giunta provinciale si è dimesso. Motivo? Il centro destra non riesce a trovare la quadra nella spartizione delle poltrone. Resta da capire se il coraggioso gesto di Meroi sia di natura pirandelliana (Questa sera si recita a soggetto) ovvero shakespiriana (Tanto rumore per nulla).

Piero Camilli

Provincia/2. L’assessore ai Lavori pubblici è di quelli che non le manda a dire e allora spiega al popolo che la crisi di via Saffi è ascrivibile “a una guerra tra bande, fatta da persone che sono morte politicamente e quindi cercano un po’ di visibilità, tipo i ripescati come Laura Allegrini”.

Laura Allegrini

Provincia/3. Povera Lauretta. E’ entrata in Consiglio provinciale lo scorso agosto per surrogare lo scomparso Antonio Fracassini quale prima dei non eletti della lista del Pdl (elezioni 2010). Nel tempo libero pare che si diletti in battaglia navale, ma il prode Camilli con un sol colpo l’ha colpita e affondata.

Federico Grattarola

Provincia/4. Va bene che la battuta è facile facile ma come non pensare alla trasmissione televisiva “Chi l’ha visto” per rilevare che il capogruppo Pd al consiglio provinciale ci ha messo appena una settimana (o un mese? O sei? Ah, saperlo!) a proferire verbo sulla “guerra tra bande” (copyright Camilli) in atto a palazzo Gentili?
Portale realizzato da