23062017Headline:
Promossi & bocciati

Emanuela Dei

La responsabile di Arci cultura lesbica ha ragione ad esultare: il consiglio comunale del capoluogo ha infatti approvato, a maggioranza, l’istituzione del Registro delle coppie di fatto. Un traguardo raggiunto “dopo otto mesi di battaglia”, non sempre facile, che ha visto Emanuela in prima fila. Chapeau.

Melissa Mongiardo

Anche la giovane consigliera del Partito democratico, presidente della competente commissione, esulta: ha pilotato l’operazione “Coppie di fatto” nell’organismo da lei presieduto con perizia ed equilibrio, agevolando (e arricchendo) un intenso dibattito che ha visto protagoniste le voci “pro” e quelle “contro”.

Antonella Sberna

Grazie alla fatidica frase (“Le coppie di fatto? Nessuno vota o non vota qualcosa che vada contro l’essere umano e il diritto, ma si vota un qualcosa che è inutile. Per dare un segnale non serviva votare un regolamento”) ha vinto il primo premio del concorso “Credetemi: di solito non mi esprimo in modo incomprensibile”.

Claudio Ubertini

Grazie alla memorabile frase (“Coppie di fatto? Ma siamo proprio sicuri che questo Consiglio possa legiferare su un tema non ancora affrontato a livello nazionale?”) il capogruppo di Forza Italia ha vinto il primo pieno del concorso "Il regolamento stabilisce i diritti alle norme di competenza del Comune e non dell’intera Penisola".
Portale realizzato da