19112017Headline:
Promossi & bocciati

Salvatore Del Ciuco

La città ha tributato il dovuto saluto al poliedrico Monsignore, scomparso il 24 marzo a 86 anni. Con lui se na va una figura della Viterbo d’altri tempi, un brillante erudito e cultore di storia locale, massime quella dei Papi medievali, a cui dobbiamo la più importante meta cittadina del turismo nazionale e internazionale: il museo del Colle del Duomo.

Italo Leali

Puntuale come un orologio svizzero, il direttore artistico di Tuscia in jazz ha di nuovo fatto centro con la rassegna primaverile, in corso di svolgimento a Ronciglione, che offre il meglio della panorama jazzistico: Marcotulli e Pietropaoli; Ronciglione Trio e Fabrizio Bosso; Riccardo Arrighini; Aldo Bassi Metal Hazz Trio; Roberto Gatto Trio; Gegè Munari 4Tet ed Elisabetta Antonini 4Tet

Daniele Sabatini

Va bene che la notizia della seduta d’esordio del giovane esponente del Pdl in consiglio regionale andava data. Ma una preghiera a Sabatini: eviti, se possibile, di dettare un comunicato stampa al giorno sulle sue attività (magari informando anche quante volte va al bagno) perché alla lunga, stufa l’agiografia dei santi, figuriamoci quella di un bravo pidiellino in carriera.

Matias Vegnaduzzo

Il bomber argentino della Viterbese, nonostante la valanga di gol (13 passata stagione, decisivi per la salvezza, e altri 17 quest’anno), ancora non è stato onorato delle sue spettanze economiche. D’accordo che la società naviga in brutte acqua, ma non pensano i dirigenti (?) del club che senza Vegnaduzzo rischiano di fare la fine del Titanic?
Portale realizzato da