30012023Headline:

Ecco “Jubilate”, l’anteprima di Caffeina

Dal 3 al 27 marzo tanti appuntamenti: fede, cultura, teatro, libri, dibattiti, incontri, musica

La presentazione di "Jubilate", in programma dal 3 al 27 marzo

La presentazione di “Jubilate”, in programma dal 3 al 27 marzo

Arriva Caffeina. No, non avete sbagliato mese anche se è vero che non ci sono più le stagioni di una volta. E non è neppure un anticipo rispetto alle canoniche date di inizio estate. E’ semplicemente qualcosa di più e di diverso, che nasce  dalla concomitanza con il Giubileo straordinario e che ambisce comunque a diventare la prima tappa di un appuntamento fisso. E’ “Jubilate”, un contenitore ricchissimo (secondo le migliori tradizioni della banda di Filippo Rossi e Andrea Baffo) nel quale ci sono il teatro e la letteratura, i dibattiti e l’arte, la musica e i libri. “Si tratta – chiarisce il vescovo Lino Fumagalli –  di un menu alla carta in cui ognuno può prendere quello che vuole. L’obiettivo però è comune a tutti: uno stimolo a diventare protagonisti della nostra epoca. In una comunità come la nostra che, in questo periodo, non dico che va in letargo, ma che un po’ tende a prender sonno, ecco che ci è sembrato opportuno stimolare la ‘fatica del pensare’, come diceva Papa Paolo VI”.

Insomma, l’idea nasce da Caffeina, ma i protagonisti che hanno contribuito sono diversi e tutti ugualmente importanti: la diocesi di Viterbo (che mette a disposizione il Palazzo dei Papi dove si svolgeranno molti degli appuntamenti previsti: saranno coinvolte anche alcune parrocchie), l’amministrazione comunale, la Fondazione Carivit. “Abbiamo saputo fare rete”, chiosa l’assessore ai grandi eventi Giacomo Barelli. “Uno stimolo e una proposta per la città – aggiunge il collega alla cultura Antonio Delli Iaconi – ma non intendiamo fermarci, perché il Giubileo dura altri 8 mesi e quindi c’è la possibilità di fare altro. Anzi siamo aperti ad ascoltare proposte e contributi”.

Vale quindi la pena addentrarsi nel programma per scoprire che si comincia il 3 marzo con la presentazione del libro dedicato a monsignor Fiorino Tagliaferri, indimenticato vescovo di Viterbo; e poi appuntamenti teatrali (ci saranno Moni Ovadia e Amanda Sandrelli), dibattiti (da non perdere quello con il medievalista Franco Cardini e l’altro con monsignor Vincenzo Paglia), alla grande musica con il concerto della domenica di Pasqua nella Cattedrale di San Lorenzo e con “La petite messe solennelle” di Gioacchino Rossini di domenica 20, curato dall’Associazione XXI secolo (presidente Giuliano Nisi) e dalla Camerata Polifonica (presidente Antonio Maltese) che quest’anno festeggia il cinquantesimo anniversario della fondazione. Ancora il dialogo a tre voci di domenica 13 marzo sul tema della “cura della casa comune” con monsignor Filippo Santoro (arcivescovo di Taranto), Izzedin Eizir (presidente dell’Unione della comunità islamiche d’Italia) e il contributo video di Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma. Ce n’è, come si può notare, davvero per tutti i gusti ma le proposte sono tante, anche più di una al giorno e tutte rigorosamente gratuite.

Al centro il vescovo Fumagalli e il sindaco Michelini

Al centro il vescovo Fumagalli e il sindaco Michelini

“Tre sono le caratteristiche essenziali – interviene don Luigi Fabbri, vicario generale della diocesi – che mi piace sottolineare. I contenuti, che sono di qualità e che affrontano temi e valori sui quali tutti possono convergere al di là delle convinzioni personali; le modalità attraverso cui vari soggetti hanno contribuito al raggiungimento dell’obiettivo; la poliedricità della proposta che peraltro rientra nello stile di Caffeina”. “E’ la prima volta – spiega il neo presidente della Fondazione Andrea Baffo – che si fa qualcosa del genere a Viterbo. Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione attiva di vari soggetti: l’Azione Cattolica, il Sodalizio Facchini di Santa Rosa, Quartieri dell’Arte. Insieme a loro un gruppo di sponsor privati: Banca di credito cooperativo di Roma, Banca di Viterbo, Terme dei Papi. Il ‘sonno’ di una città si sveglia in tanti modi e questa prima edizione ha l’obiettivo di diventare un appuntamento fisso”. E che le ambizioni siano ampie lo dimostra anche il fatto che “Jubilate” fra qualche giorno sarà presentato a Roma, cioè la sede dove arrivano pellegrini da ogni angolo di mondo.

Chiude il sindaco Leonardo Michelini: “Nel 2000 il Giubileo fu vissuto soprattutto nel centro della cristianità; oggi, sotto l’impulso di Papa Francesco, l’appuntamento giubilare diventa per così dire diffuso. E noi, come abbiamo già fatto con l’Expo, cerchiamo di intercettare e di intervenire. Perché Viterbo deve essere una realtà aperta che possa e sappia affrontare il futuro senza timore”.

Scaldate i motori, si parte fra qualche giorno. E sarà la solita lunga cavalcata nell a quale, a volte, si farò fatica a scegliere. Meglio così.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da