01022023Headline:

Dante approda sulla riva del Lago di Bolsena con la “malta” contesa tra due paesi

Riceviamo e pubblichiamo

Sabato 3 dicembre (ore 16,30) a “La Cascina” di Capodimonte

DANTE APPRODA SULLA RIVA DEL LAGO BOLSENA

CON LA “MALTA” CONTESA TRA DUE PAESI

Marta e l’isola Bisentina rivendicano “la paternità” dell’antico carcere

Sarà oggetto di dibattito durante l’incontro con l’autore del libro “La rosa di Dante”

 La discussione sulla localizzazione dell’antico carcere della “Malta” citato da Dante nella Divina Commedia” sarà oggetto di un rinnovato dibattito nel corso dell’incontro con Giuseppe Rescifina, giornalista e saggista, autore del libro “La rosa di Dante. Il poeta, il fiore, la santa” (Edizioni Silvio Pellico) in programma sabato 3 dicembre con inizio alle ore 16,30 nei locali de “La Cascina”, le antiche scuderie farnesiane, di Capodimonte. Dopo il saluto del sindaco Mario Fanelli ad introdurre l’evento sarà Federica Evangelisti, consigliere comunale delegata alle attività culturali. Interverrà Simonetta Pacini, presidente dell’associazione culturale TusciaE20 di Viterbo:

Individuare dove effettivamnte era il tremendo carcere della “Malta”, voluto da Bonifacio VIII per punire gli ecclesiastici che si erano macchiati di gravi delitti, è una ricerca che da secoli impegna la critica letteraria.

“Piangerà Feltro ancora la difalta / dell’empio suo pastor, che sarà sconcia / sì, che per simil non s’entrò in Malta” (Paradiso, IX, 52-54). sono i versi, riportati in una mattonella in ceramica collocata su una parete del basamento della Torre dell’orologio di Marta, paese che, dunque, ritiene di essere il luogo dove sorgeva l’orrenda prigione avvalendosi del parere di alcuni studiosi che la individuano “apud lacum” ovvero in riva al lago di Bolsena. Altri la collocano sull’isola Bisentina (comune di Capodimonte) scavata nel tufo al quale si accede per mezzo di un pozzo lungo 30 metri. Un terzo stuolo di storici sostiene invece che l’infernale luogo si trovava a Viterbo accanto all’antico Ponte Tremuli interrato al momento della costruzione di via Marconi.

Il dibattito continua e sabato a Capodimonte vivrà un’altra interessante “sessione”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da