01022023Headline:

Evapora il consenso della Frontini dopo appena 180 giorni. Un record !

Di figuraccia in figuraccia evapora il consenso

di Andrea Stefano Marini Balestra

Viterbo,6.12.22

Qualcuno, durante la campagna elettorale per le ultime comunali di Viterbo, aveva avvisato: Chiara Frontini ed i suoi mai potevano essere in grado amministrare la Città.

Profeti di sventura, o persone ragionevoli ?.

Di certo, si era visto che le liste in appoggio altre quella “personale” di Chiara Frontini (Viterbo 2020) comparivano personaggi di scarsa levatura politica e capacità amministrativa, probabilmente appassionate di politica, ma scartate da altre forze politiche del territorio, quindi, da queste ultime valutati come “pentastellati” le cui incapacità sono ormai storicamente provate.

La gente le ha creduto. “Era Ora” fu il motto, bisognava cambiare, quindi non si è voluto premiare elettoralmente chi in precedenza aveva governato la città, siano essi di centrodestra o centrosinistra, per cui, la “ricetta” Frontini era interessante.

Nel giugno scorso, un consenso elettorale ampio ha posto sul più alto scranno della Sala d’Ercole la dr.ssa Chiara Frontini abile affabulatrice nella comoda posizione di oppositore alle precedenti giunte.

Tanti elettori viterbesi l’hanno votata anche turandosi il naso ed anche dopo aver sorseggiato dosi di antiemetico, pur di non assistere al declino della città aggravato da precedenti fallimentari consigliature.

Ma ecco, che soltanto dopo circa 180 giorni il consenso nella Frontini e della sua giuntasi è evaporato. L'”incidente” accaduto durante la Conferenza stampa di presentazione degli eventi di Natale (ma quali ?), quando, una signora anziana e malata si è scagliata contro il Sindaco, certo rappresenta un punta d’iceberg della delusione di molti per avere in carica amministratori arroganti, presuntuosi, in particolare, poi, la Frontini che, chiusa in una sua turris eburnea, non da ascolto ai cittadini e procede solo per conto suo. Ormai è diventata abitudine: il sindaco Frontini non riceve nessuno, ieri nemmeno il nuovo Vescovo che aveva chiesto incontrarla in Palazzo di Priori. Mons. Piazza è stato ricevuto in Provincia, in Prefettura, ma in comune no. Ma la Frontini chi si crede essere ?

A Viterbo, nei circoli, nei salotti, nei foyer dei teatri, negli stadi e nei bar è un coro di pentiti del loro voto e delusi dell’andazzo che ha preso il Comune di Viterbo.

Gli assenteisti al voto gongolano, non si sono sporcati le mani.

Una figuraccia dietro l’altra, purtroppo non la fa la attuale Giunta nei confronti dei cittadini, ma la fa pure la Città di Viterbo nei confronti delle amministrazioni centrali dello Stato, che, proprio per l’inazione e l’incapacità manifesta dei suoi amministratori, non le da credito alcuno.

La questione dell’Aeroporto che era un punto sul quale il Comune doveva essere il volano di Osservazioni al Piano Aeroporti ENAC da convidere con le realtà economiche si è chiusa, senza dibattito alcuno in Consiglio, con sole due righe di Osservazione vergate personalmente dal Sindaco che da praticamente assenso al piano che prevede per Viterbo un aeroporticchio al servizio di un altro (Aeroporto Urbe di Roma).

Si è detto dal Comune un no al piano eolico nel territorio appoggiandosi solo alle fanatiche tesi di una minoranza di ambientalisti d’accatto, si è detto no ad una trasformazione societaria della Talete in punto di fallimento, non si è progettato nulla per la mobilità automobilistica urbana il cui regolamento è rimasto quello del secolo scorso, non si sono nemmeno tappate le buche stradali e non si è avuta autorità pretendere alle aziende che avevano posizionato la fibra ottica il ripristino delle sedi viarie.

In una variazione di bilancio si è letto che saranno spese ingenti somme per “forestazione” urbana e per l’acquisto di pergamene medaglie da distribuire a pretesi “eroi” cittadini. Sperpero di denaro pubblico per il quale la Corte dei conti potrebbe in futuro interessarsi.

In pochi mesi la Frontini si è alienata le simpatie dei commercianti, degli agricoltori, degli studenti, degli sportivi, delle associazioni culturali, degli stessi dipendenti comunali e…financo dei bambini che quest’anno non avranno per le Feste le loro giostre. Però, per grandi e piccini, c’è una pista di pattinaggio su ghiaccio a P.zza del Comune. Il Reparto di ortopedia di Belcolle è avvisato.

Bene, alienarsi il consenso in un cosi breve tempo come sta accadendo alla giunta Frontini è da Guiness dei primati.

Un augurio per il nuovo anno ?

Che, come la Befana porta via tutte le feste, insieme a queste si porti via Frontini e soci, prima del Carnevale “ufficiale”; comunque, quello in Comune è già cominciato.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da