01022023Headline:

Per il Poggino,promesse, promesse, promesse, ma, da marinaio

Colpevole abbandono della zona industriale viterbese.

di Andrea Stefano Marini Balestra

Viterbo,3.12.22

Si dice siano le promesse da marinaio quelle che non vengono mantenute. Infatti, i marinai che sbarcavano in un porto familiarizzavano con le ragazze del luogo promettendo loro nozze, vita eterna in comune, ma, dopo, una volta rimbarcati, nulla avveniva.

Il Sindaco Frontini nella campagna elettorale affermò solennemente in occasione di un tour elettorale al Poggino che “provvedere alla sistemazione ed al decoro di via dell’Industria” era al punto uno del programma.

Sono passati quasi sei mesi dall’inizio della Consigliatura, ma ancora la solenne promessa non viene mantenuta.

D’accordo, il periodo feriale estivo, d’accordo l’eccessivo caldo, che non poteva consentire d’embleè la “rivoluzione” del Poggino, ma, almeno qualche “romanella” si poteva pretendere da parte degli imprenditori e cittadini frequentatori della zona.

Con i fondi ottenuti dallo stato sono state montate, ma ancora completate, pensiline fotovoltaiche (ma la corrente prodotta dove andrà ?) nonchè messe a dimora 4 piante striminzite. Il cantiere è stato aperto da mesi e tutt’ora aperto. E’ infatti recintato da barriera colorata caduta in alcuni punti proprio per “vetustà”, intanto, si è persa sino ad oggi una precaria possibilità di parcheggio e movimento bisarche davanti ad importanti concessionarie d’auto.

Per il resto un pianto, tutto come prima, lo spartitraffico centrale, progettato, penso, come parcheggio, è tutt’ora uno sterrato pieno di buche e sterpi, erbacce, (forse l’inizio della forestazione urbana annunciata) per poi non citare i rifiuti abbandonati anche di natura pericolosa per l’ambiente.

Alla prima importante pioggia non mancherà la “classica” alluvione dell’intera zona per mancanza di definitivi scoli e tombini. Quelli provvisori, ancor oggi, sono tappati.

Certo, se le promesse di “sistemazione decoro” erano queste, cara Sindaco siamo lontani anni luce dal concetto di una seria efficiente attività amministrativa, che prevede, non solo mantenimento dei programmi fatti in campagna elettorale, ma anche rispetto per gli operatori commerciali ed artigianali che nella zona Poggino hanno aperto le loro aziende certamente suoi elettori.

Costoro, non si aspettavano miracoli dopo l’inizio della sua giunta, ma almeno l’esecuzione di quanto al minimo era possibile fare in sei mesi.

Adesso scade la prima rata IMU, tutti la dovranno pagare, ma tanti si chiederanno perchè.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da