22072024Headline:

Con la scomparsa di Nando Gigli un pezzo di Viterbo se ne va

Ci mancherà una figura come la sua nella politica viterbese

Gigli ed Andreotti: duo vincente per la Tuscia

di Andrea Stefano Marini Balestra

Viterbo,31.10.23

Un politico di razza, alla vecchia maniera, ma quella giusta, cioè di professionisti della politica affidabili e seri. Ogni paragone con quelli che attualmente calcano la scena dell’aministrazione cittadina viterbese, non sarebbe possibile.

Come Democristiano doc. cioè di quella vera Democrazia Cristiana che non aveva virato a sinistra per poi perdersi, seguace del divino Giulio Andreotti sempre sponsor della nostra Provincia, aveva assunto la csarica di Sindaco della Città per cinque anni, per poi passare alla Regione Lazio dove ne fu presidente dal 1990 al 1992. Successivamente la sua carriera politica l’ha portato in Parlamento, precisamente nella Camera dei Deputati nel 2001 con il partito di centro destra Casa della Libertà con il sostegno dei centristi.

Nando, sempre seguace di una politica di moderazione, dopo la fine della Democrazia Cristiana era passato a Forza Italia. Certo, che la sua presenza in Comune a Viterbo poteva ancora essere utile, si candidò a Sindaco nelle elezioni del 2008 ottenendo un personale successo, ma non utile per il ballotaggio. Comunque in questa fase, fu determinante la sua presenza per il successo di Giulio Marini.

Con lui se va un pezzo della politica della prima Repubblica, un inossidabile seguace dei principi di libertà e democrazia espressi dapprima dalla Democrazia Cristiana, poi trasmessi ai partiti del Polo della libertà ed oggi nel raggruppamento vincente di centrodestra in Italia.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da