18102018Headline:

Ricerca sull’energia, Unitus in prima linea

Il progetto Biofeedstock tra i migliori presentati per il bando del Miur

L'Università della Tuscia

L’Università della Tuscia

L’Università della Tuscia segna un altro grande successo nella ricerca. Il progetto “Biofeedstock”, di cui Dipartimento di economia, ingegneria, società e impresa dell’Università della Tuscia è partner, è risultato al primo posto nella valutazione tecnico-scientifica delle domande presentate nell’ambito del bando Miur per progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nell’area di specializzazione dell’Energia.

Il progetto, coordinato dall’Università degli Studi di Napoli Federico II, si avvale di una compagine mista costituita da soggetti privati (Eni, Syndial, Graded, Qohelet Solar Italia, Hydrolab, Gori, Ipass) ed enti di ricerca pubblici (oltre alle università di Napoli “Federico II” e della Tuscia, fanno parte della compagine quelle di Palermo e della Basilicata, nonché il Cnr).

L’oggetto della ricerca, che avrà una durata di 30 mesi, consiste nella valorizzazione delle biomasse residuali in processi di bioraffinazione finalizzati alla produzione di “biocombustibili sostenibili” e bio-chemicals. Il progetto integra attività di studio, di ricerca sperimentale e di dimostrazione industriale ed ha l’obiettivo di sviluppare conoscenze, metodologie e know-how specifici per contribuire all’abbattimento delle barriere di tipo logistico, tecnologico e culturale per l’inserimento delle biomasse residuali in schemi avanzati di trasformazione e valorizzazione coerenti con i principi dell’economia circolare.

Le attività dell’Università della Tuscia consiste riguardano la sperimentazione di filiere produttive di biodiesel da biomasse lignocellulosiche mediante lieviti oleaginosi.

Tale attività sarà facilitata dall’afferenza dell’Università della Tuscia al Centro Interuniversitario di Ricerca sull’Inquinamento e sull’Ambiente “Mauro Felli” (Ciriaf) di Perugia. In particolare, le attività di ricerca saranno condotte in collaborazione con Il Crb, Centro di Ricerca sulle Biomasse, sezione strutturata del Ciriaf e riferimento Italiano per la ricerca sui biocarburanti e le biomasse ad uso energetico, con il quale è attiva da oltre un anno una collaborazione di ricerca con il Dipartimento di economia, ingegneria, società e impresa. Al progetto contribuiranno anche ricercatori del Dipartimento per la innovazione nei sistemi biologici, agroalimentari e forestali.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da