16062024Headline:

Giunta Frontini bocciata pure per il “verde urbano”

"verde urbano" a Viterbo, solo un optional, non necessità

Platani capitozzati, spettacolo di morte

Redazione

Viterbo,16.1.24

Molti cittadini viterbesi, e non, sono rimasti basiti per aver osservato che la potatura dei platani in strada Bagni ha reso gli alberi quali moncherini, cioè, tronchi privi di rami secondari. Scena orribile da vedere.

Ma cosa è successo ? Semplice, l’amministrazione comunale viterbese, rersponsabile della cura del verde cittadino ha affidato la potatura ad una ditta che ha praticato la capitozzatura delle piante, anzichè valersi delle più recenti tecniche di cura delle piante arboree in ambito urbano.’

Quindi è risultato che a Viterbo manchi un “piano del verde urbano” previsto dalla legge 10 del 2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani” che specificatamente prevede  “iniziative locali per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”. Purtroppo non è obbligatoria né la redazione del Piano del Verde né l’adozione del regolamento del verde, affidando il tutto ancora una volta alla sensibilità politica delle singole amministrazioni comunali l’indirizzo della pianificazione ambientale. Appunto, un piano del verde urbano avrebbe esscluso qualsiasi pratica della capitatozzatura.

Pertanto a Viterbo il “verde urbano” è all’anno zero,

I lavori che vengono compiuti per la cura delle piante e giardini comunali non hanno quindi programmazione e sviluppo, ma la manutenzione affidata a ditte private che, ovviamente, lavorano per il loro massimo profitto, senza darsi cura effettiva dello sviluppo e corretta manutenzione delle piante, in particolare arboree, proprio quelle che hanno maggiori criticità.

Lo scempio osservato nella strada Bagni, rappresenta il disinteresse del Comune per la conservazione del “verde”.

Coloro che per conto del Comune hanno adottato la capitazzatura dei platani hanno dimostrato non essere all’altezza di una moderna cura della pianta. Hanno praticato una tecnica ormai sorpassata, proprio quella che si faceva una volta per ottenere anche dagli alberi in sede urbana del legname a buon prezzo. Oggi, proprio, per la esistenza di moderni macchinari che consentono la potatura mediante piattaforme aeree, nessuna capitazzatura viene ancora effettuata, per cui, la pianta,dopo l’alleggerimento dei rami, mantiene la sua forma e non appare come tronco morto.

Probabilmente la tecnica attuale potrebbe avere qualche costo maggiore, ma di certo l’estetica della pianta ornamentale ci guadagna.

Un platano capitozzato, già dalla primavera caccia nuovi rami e nuove foglie, non muore, ma, per tornare ad essere una pianta gradevole alla vista impiega qualche anno, ed una pianta ornamentale non può che doverlo essere.

Abbiamo, anche in questo caso, verificato che la Giunta Frontini del “verde” non se ne interessa. Un’altra promessa disattesa-

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da