23062024Headline:

Inizia a far danni la Giunta Regionale Sarda di sinistra: no alle fonti energetiche rinnovabili

La Giunta regionale Sardegna dice no alle rinnovabili

Riceviamo e pubblichiamo da ANSA

Viterbo,1.5.24

– “Dopo mesi di attacchi, false informazioni e pretestuose accuse al settore delle energie rinnovabili, la Giunta Regionale Sarda, guidata dal presidente Alessandra Todde, vara un Ddl che blocca fino a 18 mesi tutte le Rinnovabili e i sistemi di accumulo. La previsione normativa contenuta nel provvedimento, che dovrà passare dal Consiglio, ha dell’incredibile, e sembra figlia di un accanimento, visto negli ultimi mesi di campagna elettorale nell’isola, verso le fonti pulite, che finirebbe per avvantaggiare solo il gas e le centrali a carbone!”. Lo scrive in una nota l’Anev, l’associazione delle imprese dell’eolico.

“Sembra incredibile e invece è vero – prosegue l’associazione – e dopo le paginate giornalistiche e le ospitate nelle arene televisive, tutte incentrate sul tutelare lo status quo energetico della Sardegna, con tonnellate di scemenze raccontate senza vergogna, oggi viene votato un Ddl che mira a bloccare le rinnovabili e gli accumuli, perché le servono 18 mesi per cambiare le attuali norme e per modificare la bozza del Dm aree idonee, ritenuto “irricevibile” nel testo del Mase”.

“Oltre all’atteggiamento irrispettoso delle norme vigenti – prosegue l’Anev – che è bene ricordare che già definiscono le aree idonee, quelle non idonee e i criteri di valutazione di impatto ambientale di tali infrastrutture, e l’attacco duro al Ministero e alle altre Regioni che avevano già lavorato ad una bozza avanzata di provvedimento, lascia stupiti l’assoluta indifferenza per i moltissimi imprenditori italiani (la maggior parte) e internazionali che stanno investendo risorse in questa meravigliosa isola e che saranno costretti a lasciare, a vantaggio delle solite fossili sarde”.

“Negli anni l’Anev ha dovuto spesso contrastare analoghe iniziative regionali, tutte poi dichiarate illegittime, ma mai abbiamo registrato tanta arroganza nelle dichiarazioni e spregio nelle azioni”. (ANSA).

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da