16122017Headline:

“Cara Regione, pensaci tu”

L'assessore Paolo Equitani

L’assessore Paolo Equitani

Cara Regione, aiutaci tu. Dopo anni di tira e molla, di rinvii, di esitazioni, di liti più o meno sotterranee e altre amenità varie, già arcinote a chi in questi anni ha seguito da vicino l’evolversi delle vicende riguardanti la gestione idrica della Tuscia, la politica viterbese ha deciso di alzare bandiera bianca e l’’assemblea di Talete ha deciso di chiedere un confronto con la Regione.

Nelle casse della società pubblica viterbese infatti, non c’è un euro ed è impossibile ripianare il debito esistente continuando a gestire il servizio. E allora? E allora ieri mattina l’assemblea dei soci della Talete “ha dato mandato al presidente dell’Ato1 Lazio Nord Marcello Meroi – è scritto in una nota – di richiedere un incontro urgente al presidente della Regione Nicola Zingaretti e all’assessore regionale all’Ambiente Fabio Refrigeri; incontro da tenersi a Viterbo con tutti i sindaci della Tuscia per discutere del futuro del servizio idrico nel nostro territorio”.

“Durante l’incontro – fa sapere l’assessore provinciale all’Ambiente Paolo Equitani – sono stati discussi ed affrontati i problemi legati alle criticità finanziarie che gravano sulla Talete e che mettono in serio rischio la gestione del servizio idrico nella Tuscia. E’ stata quindi evidenziata, da parte di tutti i soci, l’esigenza di un confronto con la Regione, per capire dai nuovi amministratori se sussistono o meno le possibilità concrete di un intervento finanziario nel breve e medio periodo. L’assemblea all’unanimità ha quindi dato mandato al presidente Meroi di prendere contatti immediati con Zingaretti e concordare insieme a lui un incontro da convocare a Viterbo, con la presenza dell’assessore Refrigeri e dei sindaci dell’Ato, per conoscere l’effettiva volontà politica della Giunta regionale per ciò che concerne la gestione del servizio idrico nel nostro ambito territoriale di riferimento. Sarà possibile anche capire se la Talete potrà continuare a svolgere il ruolo di gestore unico del ciclo delle acque o se, in caso contrario, dovranno essere percorse strade diverse. Attendiamo fiduciosi – conclude Equitani – che dalla Regione arrivi la piena disponibilità a questo confronto in tempi relativamente brevi”.

Traduzione: ci arrendiamo. Noi siamo incapaci di gestire il servizio idrico della Tuscia. Cara Regione, pensaci tu. Ma, per favore, toglici da questo impiccio che noi non siamo mai stati in grado di gestire. Amen.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

325   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Che belle facce di Talete…

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da