26092017Headline:

Bus: rincari per gli studenti di Montalto

Il Natale ha portato una sgradita sorpresa alle famiglie di Pescia Romana che mandano i figli alle scuole superiori in Toscana: una serie di rincari ha colpito il ceto medio, le famiglie e il diritto allo studio.
Questa mattina gli studenti che si sono recati ad acquistare l’abbonamento mensile si sono trovati di fronte a un rincaro del 20% sul consueto prezzo. Un aumento importante che mal si sposa con i salari delle “famiglie medie” dei giovani studenti e che, certamente, cozza con il periodo di grave difficoltà in cui verte l’intero Paese. È nata una protesta spontanea che, dettata dall’esasperata disuguaglianza di spesa fra il trasporto degli studenti del Lazio e della Toscana, consiste nella decisione dei genitori di non far salire i propri ragazzi sugli autobus, determinando così l’assenza da scuola, come gesto di dissenso al rincaro immotivato.
Per uno studente che frequenta una scuola toscana il costo del viaggio è di 598,50 euro per Albinia, Orbetello e Santo Stefano e raggiunge gli 832,50 per Grosseto. Le cifre indicate si riferiscono ai soli mesi scolastici e prevedono solo due corse al giorno (andata e ritorno); inoltre, il Comune di Montato e la Regione Toscana danno un incentivo alla società incaricata per far arrivare l’autobus fino a Pescia Romana. Quindi non solo i genitori di questi ragazzi pagano di più – basti pensare che per arrivare alle scuole site a Tarquinia il costo del viaggio, per l’intero anno solare, non supera i 200 euro – ma non hanno neppure la facoltà di usufruire, a fronte della spesa notevole, delle normali corse di linea. Per non parlare poi degli orari che vincolano queste famiglie: partenza alle 6:40 della mattina e rientro alle 14:45. Un disservizio quest’ultimo di cui i genitori si lamentano ormai da anni al quale va ad aggiungersi un aumento che sembra essere una vera e propria beffa. Negli ultimi quattro anni, anziché andare in contro alle esigenze dei genitori degli studenti pendolari, i rincari sui prezzi degli abbonamenti sono raddoppiati costringendo così le famiglie a pilotare la scelta delle scuole da parte dei figli. Il diritto allo studio dei nostri giovani viene irrimediabilmente leso se non sono liberi di avvicinarsi a determinati istituti perché il costo del trasporto è proibitivo per la maggior parte di loro.

Se la situazione non dovesse cambiare molti studenti cambieranno scuola e le nuove classi saranno certamente private degli iscritti residenti a Pescia Romana e dintorni. Per questo motivo è urgente che si arrivi a una soluzione immediata che sia d’aiuto alle famiglie: una soluzione che contempli anche l’intervento della pubblica amministrazione del Comune di Montalto di Castro che tuteli il diritto allo studio dei giovani.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da