21102017Headline:

Quel furto sacrilego di cui nessuno parla più

I giornalisti di National Geographic a Calcata

I giornalisti di National Geographic a Calcata

Forse in pochi ieri sera si sono sintonizzati sul canale satellitare National Geographic. Dove, alle ore 21,50, è andato in onda uno stupendo servizio sul furto del santo prepuzio di Gesù, conservato fino al 1983 nella chiesa di Calcata. Sì, avete capito bene, il prepuzio. Ovverosia quella pellicina che veniva tolta ai bambini quando venivano circoncisi. Ebbene, per secoli, il santo prepuzio di Gesù è stato considerato dai fedeli come la reliquia più sacra della cristianità. Ma nel 1983, purtroppo, l’unica spoglia terrena di Gesù Cristo rimasta dopo l’ascensione è stata rubata.

Aveva scritto qualche tempo fa Paolo D’Arpini, fino a pochi anni or sono vero e proprio guru di Calcata grazie al suo circolo vegetariano: “La sacra pellicina era sicuramente diventato un reperto scomodo. Infatti se negli anni precedenti veniva portato in processione ed attirava centinaia di devoti provenienti da tutto il Lazio, già alla fine degli anni ‘70 era stato rimosso dal Sancta Sanctorum della chiesa parrocchiale e al momento della scomparsa (avvenuta nel 1982 o nel 1983? La data è incerta…) – come dichiarato dal parroco – «veniva conservato sopra un vecchio armadio della sua camera da letto»”.

Un tema, quello del furto sacrilego, che di tanto in tanto aveva stuzzicato anche i media nazionali. In un articolo pubblicato dal Corriere della Sera il 14 novembre 1993, Monica Guerzoni aveva ipotizzato che dietro quel furto potessero addirittura esserci sette sataniche. Vediamone qualche passo:

Si tinge di giallo il furto del sacro prepuzio di Gesù. Dietro la scomparsa della preziosa reliquia dalla chiesa dei santi Cornelio e Cipriano a Calcata, nel Viterbese, ci sarebbe la mano di una fantomatica setta satanica. A sottrarre il frammento di pelle recisa al Bambinello durante la circoncisione, sarebbero stati due affiliati ad un gruppo che pratica la magia nera nelle caverne di Monte Soratte. Era stato lo stesso parroco di Calcata, don Dario Magnoni, a denunciare il furto ai carabinieri di zona all’indomani di una “strana visita” in sacrestia. Secondo il religioso “un uomo e una donna di mezza età , ben vestiti e con l’ accento settentrionale”, chiesero “con insistenza” di poter adorare la reliquia e poi, nottetempo, la prelevarono dal suo nascondiglio: una vecchia scatola per scarpe piena di bambagia, chiusa in un mobiletto nella casa del parroco, che conteneva la preziosa teca cinquecentesca. Dopo dieci anni di ipotesi e congetture, la “rivelazione”.

La giornalista rivela poi la fonte di queste notizie: A farla è Riccardo Ferlazzo Ciano, che sta per pubblicare un libro sull’argomento. “Questo testo – racconta l’ autore – è il risultato di oltre un anno di indagini sul posto”. Ma gli abitanti di Calcata – mille anime arroccate su una suggestiva rupe “a forma di tronco mozzato”, fra scogliere tufacee orlate di lecci – cadono dalle nuvole. “Sette, riti satanici… sembra fantascienza – commenta il sindaco socialista Luigi Gasperini – mai sentito parlare di queste storie. Che nella zona ci sia qualcuno di altre religioni è vero. Ma tutt’al più vanno in India a venerare i loro “Sai Baba” (ndr: uno dei più celebri santoni indiani). E poi, chi è questo Ferlazzo?”.

Monica Guerzoni tenta di andare a fondo della questione: Il paese, già spaccato in due dalla legge del 1935 che inseriva Calcata nell’elenco dei paesi da abbandonare perché a rischio di frana, adesso si divide sul caso della sacra reliquia. Nella parte antica, dove dopo il trasferimento degli abitanti storici si è insediata una singolare comunità formata da una sessantina di intellettuali ed ambientalisti ad oltranza, è foltissimo il partito degli scettici.

D'ArpiniPaolo

Paolo D’Arpini

Ed arriva anche a Paolo D’Arpini: “Sono tutte fantasie . esordisce polemico Paolo D’Arpini, presidente del Circolo vegetariano, fulcro culturale e alimentare di Calcata vecchia . scordatevi le sette. Qui nessuno ha mai creduto al furto. Forse a Calcata nuova, dove c’ e’ ancora chi crede all’ asino che vola”. Giù, al paese nuovo, c’ è chi bisbiglia di una colletta organizzata dagli anziani per pagare un investigatore, che riporti in parrocchia “la sacra carne di Gesu’ “.

Poi ascolta sindaco e vescovo dell’epoca: Il sindaco smentisce: “Non ne so nulla. Se è successo, è stato ad insaputa del Comune”. A dare man forte all’ipotesi delle sette sataniche ci si e’ messo anche monsignor Marcello Rosina. “Non è un caso che proprio in quegli anni – dichiara l’ ex vescovo di Civita Castellana che dieci anni fa intervenne sulla vicenda – nella zona furono compiuti furti di ostie e oggetti sacri. Episodi che s’inquadrano nelle ricorrenti voci di allora, secondo le quali nelle grotte dei dintorni si celebrassero riti basati sulla profanazione di oggetti di sacro culto”. Ma a memoria d’ uomo (e di sindaco) gli unici furti denunciati in paese riguardano “una mucca e qualche pecora”. E due asini, che appartenevano alla moglie dell’architetto Paolo Portoghesi. La convinzione più diffusa è che si sia trattato di una sparizione voluta dalla Chiesa per togliere dalla circolazione una “reliquia imbarazzante”: troppi gli esemplari sparsi per l’ Europa. A supportare questa tesi c’ è ancora una dichiarazione di monsignor Rosina. “Si tratta comunque di reliquie incerte – conclude il prelato – alle quali la Chiesa non ha mai dato molto peso. Una disposizione del Sant’Uffizio del 1900, invitava alla cautela nel culto della reliquia di Calcata, attorno alla quale si sono poi sovrapposte nel corso dei secoli molte leggende”.

Infine, la conclusione della giornalista del Corriere: La reliquia del prepuzio, considerato il piu’ importante resto corporale di Gesù, anche se uno dei piu’ discussi dalla Chiesa, veniva portata in processione per le vie di Calcata nella festa dei patroni. Il 1 gennaio, ricorrenza della circoncisione di Gesù, nella parrocchia dei Santi Cornelio e Cipriano era possibile visitare la reliquia che “a chiunque vi si accostasse in purità di cuore concedeva l’ indulgenza plenaria”. Per arrivare fino al Calcata, il piccolo tabernacolo era passato dalle mani di Maria a quelle di San Giovanni, fino a Carlo Magno e Leone III. Durante il Sacco di Roma, nel 1527, fu rubato da un soldato dei Lanzichenecchi e nascosto in una grotta di tufo nei pressi di Calcata, dove la reliquia sarebbe stata ritrovata nel 1557.

Ora questa vicenda è finita sugli schermi di National Geographic, che ieri sera ha raccontato l’avventura di un uomo alla ricerca della reliquia più sacra della Cristianità. Ma i curiosi che si sono persi il documentario non disperino: questa sera, alle ore 0,55 è prevista la replica. Certo, ci sarà da fare un po’ tardi, ma forse ne varrà la pena.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

7   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Paolo D’Arpini: orribile visu!

  2. piff scrive:

    aò, c’hai da ridì su tutto…mamma mia che palle

  3. Giorgio Molino scrive:

    Caro D’Arpini, di fronte alla sua figura brevilinea, stortignaccola e camusa anche noi, che somigliamo proprio a George Clooney, potremmo ambire allo status di sex symbol.

  4. piff scrive:

    certo, tanto i ragionamenti da “tronista defilippiano” li fai già…

  5. Giorgio Molino scrive:

    piff? Prottttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttt!
    Il signor analfabeta vernacolare ha detto la sua. Aprite le finestre, c’è un tanfo per niente gradevole.

  6. piff scrive:

    cambia disco, molì

  7. Giorgio Molino scrive:

    Cambierò disco quando lei la smetterà di esprimersi tramite flatulenze. Non è mica bello, sa.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da