03122021Headline:

Sanremo, Dear Jack in corsa per il podio

Stasera il gran finale del Festival: la band si gioca le posizioni di vertice

Selfie in sala stampa per i Dear Jack

Selfie in sala stampa per i Dear Jack

E’ il giorno del verdetto, anche se parliamo del verdetto morbido del festival della canzone italiana. Stasera, comunque, dalle 21 su Rai uno, ecco il gran finale della 65esima edizione del festival di Sanremo, e la Tuscia ha qualcuno da tifare, i ragazzotti terribili dei Dear Jack. Due sono di Tarquinia, uno di Montefiascone e uno di Viterbo: quattro su cinque, per una viterbesità intrinseca che non è in discussione.

Se la sono cavata alla grande, i Caro Giacomo. Prima nella serata d’esordio, quando hanno eseguito senza paura “Il mondo esplode (tranne noi)”, il pezzo preparato per l’occasione. Alla fine si sono piazzati tra i primi, benché la classifica sia piuttosto vaga e non specifichi la posizione, per lasciare un po’ nell’incertezza il pubblico e i bookmaker. L’altra sera, poi, nell’appuntamento dedicato alle cover di altrui canzoni, hanno rafforzato i primi giudizi cimentandosi in “Io che amo solo te”, un grande pezzo del repertorio di uno dei più importanti cantautori della scuola italiana, Sergio Endrigo. Anche in questo caso sono arrivati fino in fondo, salvo poi doversi arrendere a Nek, vincitore del segmento.

Ma è oggi il giorno decisivo. Quando le quattro componenti della giuria (televoto, giornalisti, giuria demoscopia e quella degli esperti) dovranno scegliere prima la terzina finalista, e poi il vincitore. I Dear Jack vengono dati nel gruppo dei favoriti, magari non favoritissimi come Il Volo (il trio di tenori pop, qualsiasi cosa significhi, sponsorizzato da Bruno Vespa), o Malika Ayane o Lorenzo Fragola o lo stesso Nek. I Dear possono sicuramente contare sulla grande forza del televoto, dove migliaia e migliaia di ragazzine urlanti – di cui una nutrita rappresentanza stazione ormai da martedì sotto il loro albergo – sono pronte a votarli. E se possono concedere qualcosa dal punto di vista tecnico agli avversari, recuperano sicuramente come impatto commerciale: il loro album (Domani è un altro film – seconda parte) è uscito l’altro giorno, con perfetto tempismo, e come immagine non c’è dubbio che i ragazzi funzionino. E questo lascia dire a molti “gufi”, o non: “In fondo i Dear Jack hanno già vinto”. Tie’.

Le sorti di Sanremo, comunque, si decidono secondo logiche imperscrutabili a noi comuni mortali. Non resta che citare il precedente illustre di Marco Mengoni, vincitore all’Ariston nel 2013, e sperare che stasera la Tuscia possa festeggiare il secondo trionfo grazie ai Dear Jack.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da