10082022Headline:

Il tesseramento finisce a carte bollate

Esposto di alcuni iscritti ai vertici del Pd: ''Trecento adesioni senza riscontri''

La sede del Pd di via Polidori

La sede del Pd di via Polidori

”Trecento nuove tessere in più rispetto a quelle certificate dai verbali”. Questa è l’accusa, alla base dell’esposto inviato ieri dagli avvocati D’Agostino e Venuti alle commissioni di garanzia regionale e nazionale del Partito democratico. C’è un caso Viterbo, dunque, che si aggiunge alle beghe simili già registrate dal Pd in Sicilia. Il tutto, ovviamente, da dimostrare nelle sedi deputate, e magari anche a livello di giustizia ordinaria, dove non si esclude di approdare qualora gli organi dem non dovessero intervenire con prontezza.

I fatti si riferiscono all’ultima campagna di tesseramento, chiusa esattamente una settimana fa e che ha visto fuori dal circolo di Viterbo città, lunghissime file di nuovi adepti ”smaniosi” di iscriversi al partito. Secondo alcuni iscritti al partito autori dell’esposto, quelle trecento tessere circa in più inserite sulla piattaforma web che da anni registra i tesseramenti non avrebbero riscontro nei verbali redatti dall’ufficio adesione ogni giorno, alla chiusura del circolo. Soprattutto perché le richieste di tesseramento sarebbero avvenute (ancora il doveroso condizionale) alla presenza del segretario del circolo unico Carlo Mancini e dell’ufficio adesioni interno al circolo stesso.

CONTINUA SU WWW.VITERBONEWS24.IT

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da