04072022Headline:

Tutto (o quasi) quello che c’è da sapere

Cronaca, sport, eventi, teatro, cultura e altro ancora...

CRONACA

Progetto “Geo SCHOOL” al Cardarelli di Tarquinia

cardarelliGli alunni della classe 2° CAT (indirizzo geometra, Costruzioni, Ambiente e Territorio) dell’isituto Cardarelli di Tarquinia hanno sostenuto l’esame che certifica 60 ore curricolari del Corso “AutoCAD 2D” (Computer Aided Design) previste nel PTOF d’Istituto che raccoglie il progetto “Geo SCHOOL”. Questo è un progetto pilota per lo sviluppo della professione del Geometra e nasce dalla collaborazione tra i cinque Istituti Tecnici con indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio della provincia di Viterbo ed il Collegio Geometri e Geometri laureati della “Fondazione Geometri della Tuscia”. La scuola di Tarquinia è uno di questi cinque Istituti e crede profondamente nella finalità del progetto che, per il Biennio, tende ad accrescere la motivazione degli studenti e cerca di aiutarli ad inquadrare le potenzialità e le possibilità lavorative che il corso di studi intrapreso può fornire loro. Nello specifico il CAD, disegno computerizzato, è da considerarsi uno strumento ormai indispensabile. La prova si è svolta alla presenza della Commissione composta dai geometri Vincenzo Costa ed Ettore Ghigi, rappresentanti del Collegio dei Geometri di Viterbo e dall’insegnante Anna Maria Marconi, docente di tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica della classe. L’esito è stato soddisfacente ed i ragazzi hanno reagito con entusiasmo e serietà di fronte a questa prima prova cui seguiranno, durante il Triennio, altre maggiormente impegnative ma senz’altro molto interessanti: corso “AutoCAD 3D”, “Sicurezza degli ambienti di lavoro” (in questo caso il cantiere edile) ed altri corsi che via via verranno attivati. Il dirigente Scolastico, Laura Piroli, ha manifestato il suo apprezzamento per l’evento evidenziando l’importanza delle certificazioni pre-diploma che contribuiscono al curriculum dell’alunno e lo mettono in contatto con professionisti anche esterni alla scuola, profondamente calati nel mondo del lavoro.

Ronciglione, spettacolo per la promozione dell’affido delle quarte elementariAssessore Daniela Sangiorgi

È andato in scena alcuni giorni fa lo spettacolo per la promozione del progetto dell’affido, tenuto dai bambini delle quarte elementari dell’Istituto “Mariangela Virgili” di Ronciglione. Uno spettacolo dal forte valore sociale, vista la tematica alla base della sceneggiatura: l’affido. Con il loro impegno gli insegnanti sono riusciti a coinvolgere sia i bambini che le famiglie su una tematica delicata ed importante, con lo scopo di aiutare i minori che vivono in condizioni non adeguate e che necessitano dell’aiuto di tutta la comunità. Il servizio affido è presente sul territorio della ASL VT4 da 10 anni e come ogni anno le scuole elementari e dell’infanzia partecipano con grande entusiasmo. Lo scopo è quello di aiutare il maggior numero di bambini ed adolescenti che vivono situazioni di difficoltà, sostenere contestualmente anche le famiglie ed aiutarle a superare gli ostacoli che impediscono loro di essere dei genitori responsabili. Un progetto di collaborazione tra il corpo docente delle scuole primarie e dell’infanzia del distretto VT4, gli amministratori locali, i dirigenti scolastici e le realtà territoriali. Il progetto è curato dalla dottoressa Maria Grazia Fontana, sociologa referente del servizio affido per tutto il distretto, che con grande impegno si occupa del progetto sin dal suo inizio. “Attraverso quello che i ragazzi vedono come un gioco, ossia lo spettacolo – sottolinea Daniela Sangiorgi (nella foto), delegata ai Servizi Sociali, Cultura, Pari Opportunità del Comune di Ronciglione – gli insegnanti riescono a veicolare un messaggio importante come quello dell’affido; tema che, soprattutto in questo periodo di forte crisi economica, ha bisogno di essere sensibilizzato presso le famiglie di tutta la provincia. La nostra amministrazione quotidianamente cerca di venire incontro alle richieste di cittadini, spesso indigenti, che hanno difficoltà ad affrontare questa crisi. La soluzione non è solo nell’amministrazione pubblica, ma, soprattutto, nella solidarietà tra le famiglie. È necessario un percorso di informazione che faccia capire a tutti quanto sia bello, oltre che etico, aiutare chi ne abbia bisogno. E l’affido, che ha lo scopo di aiutare i minori che vivono in condizioni estremamente disagiate, è il gesto più importante che si possa fare”.

Ischia di Castro, si apre la Porta Santa del Santuario del SS. Crocifisso

ischia di castro santuario del santissimo crocefissoIl Santuario Diocesano del SS. Crocifisso di Ischia di Castro partecipa al Giubileo Straordinario della Misericordia indetto da Papa Francesco con un programma che va da giugno a settembre 2016. Oggi il momento più importante dell’intero programma, con l’apertura della Porta Santa. La Celebrazione Eucaristica sarà presieduta dal Vescovo di Viterbo Lino Fumagalli. Le messe in onore del Giubileo della Misericordia continueranno durante tutto il mese di giugno: sabato 11, 18 e 25 alle 18;  domenica 5, 12, 19 e 26 durante tutta la giornata: alle 7.30, alle 9, alle 11, alle 17 e alle 18.30. Il Santuario del Santissimo Crocifisso di Ischia di Castro venne realizzato nel 1870  al fine di proteggere il tabernacolo votivo contenente l’immagine miracolosa del Crocifisso. Nel corso del 1900 venne ampliato fino alla versione architettonica attuale.

Progetto Lincei, consegnati gli attestatiuniversità 2

Si sono chiuse presso l’Aula magna dell’Università le attività del secondo anno del Progetto “I Lincei per una nuova didattica nella scuola” che, sostenuto da un finanziamento della Fondazione Carivit,  ha visto coinvolti docenti delle Università della Tuscia, di Roma La Sapienza e Roma Tor Vergata e oltre 150 insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado di Viterbo e provincia. Il progetto, nato da un protocollo d’intesa tra l’Accademia Nazionale dei Lincei e il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca,  mira a promuovere una rinnovata metodologia di insegnamento delle materie scientifiche e delle conoscenze linguistiche e concettuali, capace di stimolare l’apprendimento e sviluppare la creatività dello  Il progetto, indirizzato a docenti di italiano, matematica e scienze di scuole di ogni ordine e grado, si focalizza sulle scienze, che offrono gli strumenti per la comprensione della natura, sulla matematica, che offre i presupposti per lo sviluppo del ragionamento scientifico,  e l’italiano, il cui uso consapevole e rigoroso è strumento fondamentale per organizzare e comunicare più efficacemente il proprio pensiero e per favorire la comprensione delle materie scientifiche. Il progetto si articola in una rete nazionale, attualmente composta da 19 poli distribuiti sul territorio nazionale e in continua espansione numerica e di partecipazione dei docenti. Il polo di Viterbo, coordinato dal professor Enrico Porceddu, completa, con gli attestati di partecipazione consegnati durante l’incontro, il secondo anno di attività, che ha visto la partecipazione di oltre 150 insegnanti operanti in 24 scuole di Viterbo e provincia.

Vitorchiano, due nuove aule alla scuola dell’infanzia in località Pallone

vitorchiano Scuola_02Il Comune di Vitorchiano ha consegnato due nuove aule alla scuola dell’infanzia dell’Istituto Comprensivo “Pio Fedi”, in località Pallone. “Un ampliamento che rappresenta il fiore all’occhiello – commenta il sindaco Nicola Olivieri – degli investimenti sull’edilizia scolastica che questa amministrazione ha fatto in cinque anni, per un totale di oltre 700mila euro. Abbiamo potenziato la sicurezza e riqualificato tutti gli edifici scolastici di proprietà comunale, migliorandone l’utilizzo e il comfort”. “Nonostante una difficile situazione tecnico-amministrativa ereditata dalla precedente giunta – continua Olivieri – siamo riusciti attraverso un lavoro attento e silenzioso a sbloccare e usufruire dei finanziamenti regionali indispensabili per gli interventi principali”. I lavori hanno interessato il miglioramento antisismico, la messa in sicurezza gli infissi, l’ammodernamento della cucina, la realizzazione della rampa per le persone diversamente abili e di un’altra uscita di emergenza, l’indicazione e la sistemazione dell’ingresso principale in Via Gran Sasso. Oltre, ovviamente, alle due nuove aule.vitorchiano Scuola_01

“Come atto conclusivo della mia amministrazione – conclude il sindaco – inauguriamo l’ampliamento della scuola dell’infanzia e la sistemazione del profferlo situato all’ingresso del borgo. In cinque anni abbiamo reso Vitorchiano un paese più moderno e migliorato i servizi ai cittadini, pur essendo costretti costantemente a fare i conti con una pesantissima eredità in termini di debiti e opere incompiute lasciata da chi era qui prima di me”.

Semi di Pace contro i pregiudizi sulla disabilità

Ancora oggi i pregiudizi e le discriminazioni continuano a circondare le persone con disabilità, mentre molti di loro, grazie a giusti sostegni e opportunità, hanno raggiunto livelli di abilità, competenze e capacità fino a qualche tempo fa ritenuti traguardi difficilmente raggiungibili. Sarà questo il tema che concluderà, il pomeriggio del 18 giugno, la X edizione del Meeting Internazionale Esploratori di Valori organizzato da Semi di Pace, alla Cittadella (Tarquinia). Ampio spazio sarà dedicato alle missioni sanitarie, il settore che vede impegnata l’associazione nella Repubblica Dominicana, con un ambulatorio all’interno della scuola “San Benito”, nella capitale Santo Domingo; nella Repubblica Democratica del Congo, nella città di Lumbi; in Perù, presso il centro riabilitativo “Hogar Maria de Nazareth”, nella città di Yurimaguas, con il “Progetto Vita – Gianni Astrei”. Tanti saranno gli ospiti che prenderanno parte all’appuntamento: dalla missionaria Berta Soledad Robles De Lopez, che porterà la sua testimonianza di responsabile del centro “Hogar Maria de Nazareth”, ai volontari che partecipano ogni anno alle missioni sanitarie; fino ad arrivare a giovani, che hanno trasformato il loro handicap in un punto di forza, e agli operatori che lavorano con le psychiatric band, gruppi musicali nati all’interno dei servizi e delle istituzioni psichiatriche per mettere insieme la cura con un percorso artistico e umano. Per ogni informazione è possibile visitare il sito www.semidipace.org o la pagina facebook “Semi di Pace”.

POLITICA

Sabatini: “Stato di calamità naturale in Alta Tuscia”

SabatiniDa Daniele Sabatini, capogruppo Cuoritaliani in Regione Lazio, riceviamo e pubblichiamo: “Dopo lo sciame sismico dei giorni scorsi, i sindaci dei comuni dell’Alta Tuscia sono preoccupati per le conseguenze a molti immobili.  I cittadini fortunatamente hanno avuto solo tanto spavento ma molti edifici, anche privati, con il passare delle ore hanno presentato danni tali da doverli dichiarare inagibili. Sarebbe quanto mai opportuno che la Giunta Zingaretti si confrontasse con gli amministratori locali per verificare la situazione e valutare anche la possibilità di proclamare lo stato di calamità naturale per le aree coinvolte”.

SANITA’

Fratelli d’Italia: “Andosilla, prove tecniche di chiusura”civita castellana Sit-in Ospedale

Da Luca Giampieri e Giulia Matteucci, consiglieri comunali Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Civita Castellana, riceviamo a pubblichiamo: “Che la Direzione strategica e l’attuale Amministrazione comunale non abbiano a cuore le sorti dell’ospedale civitonico non è un mistero. I continui tentativi di limitazione delle sue attività sono sotto gli occhi di tutti: nei giorni scorsi il nostro consigliere provinciale Alberto Cataldi ha denunciato il tentativo di chiusura della Oncologia, subito ritrattato dalla direzione visto il polverone sollevato e i vergognosi attacchi ricevuti dal nostro consigliere da parte degli esponenti del PD locale; non possiamo dimenticare la totale assenza di investimenti in tecnologia (che ormai vengono forniti solo dalle Associazioni e aziende locali), la chiusura del reparto di Terapia Intensiva, fiore all’occhiello dell’Andosilla con attrezzature all’uopo donate, che sono andate perdute, le difficoltà con il personale infermieristico che non viene integrato (con conseguente forzata chiusura di intere ali dell’ospedale), la cronica carenza di anestesisti e, assai più recentemente, la riduzione delle Strutture Complesse dell’Ospedale con il ridimensionamento della Medicina a “Struttura Semplice”, il divieto di eseguire interventi chirurgici sulla mammella, la mancata organizzazione di un programma di screening del colon che prevede l’invio a Belcolle dei pazienti da sottoporre ad intervento chirurgico, la triste chiusura di ostetricia e ginecologia. Il quadro non lascia adito a dubbi: l’ospedale di Civita Castellana è ‘tollerato’ nel quadro complessivo della sanità viterbese, e deve essere chiuso appena la riduzione dell’attenzione politica lo consentirà, motivo per cui saremo sempre attenti e vigili. Oggi siamo a denunciare l’ultimo di questi tentativi che è in atto in questi giorni e colpisce proprio quello che è considerato il cuore di qualunque ospedale periferico: la Chirurgia. Da tempo gira un progetto di rete chirurgica che, di fatto, altro non è che un tentativo di limitare la capacità operativa del nosocomio civitonico e di quello (per tanti versi simile) di Tarquinia. Ora, però, compare un documento programmatico che ne definisce i termini: ai due ospedali sarebbe concessa solo la possibilità di effettuare un minimo numero di interventi chirurgici. Ai sanitari dell’Andosilla sarebbero infatti preclusi interventi come le resezioni del colon, le tiroidectomie, la maggior parte degli interventi sulla mammella, tutta la chirurgia dello stomaco, la maggior parte della chirurgia proctologica e tutta la chirurgia dell’obesità, per la quale l’ospedale di Civita Castellana è rinomato e considerato eccellenza nazionale fin dal 1998. Sostanzialmente tutta l’attività chirurgica sviluppata negli anni e che ha qualificato il nostro ospedale raggiungendo i livelli che tutti conosciamo. Bene inteso: i pochi interventi concessi sarebbero comunque vietati qualora il paziente abbia altre patologie in atto che lo renderebbero più complesso. In compenso i sanitari civitonici potranno espletare la loro attività… non all’Andosilla ma a Belcolle. In pratica la chiusura della chirurgia civitonica. Forse in questo senso si devono intendere i ripetuti tentativi, messi in atto negli ultimi mesi, di obbligare i chirurghi dell’Andosilla a prestare servizio a Belcolle per sopperire presunte carenze di personale chirurgico di quell’ospedale. Prove tecniche di chiusura. Proprio per tutto ciò è nostra intenzione mantenere alta l’attenzione sulla tragica situazione in cui versa il nostro nosocomio e chiediamo ai cittadini di supportare le nostre proteste e denunce perché l’Andosilla con il suo indotto rimangono il punto di riferimento sanitario di confine all’incrocio di 4 provincie quali Roma zona Flaminia, Rieti, Terni e Basso Viterbese”.

EVENTI

A Capodimonte perfomance della Banda del racconto

Oggi alle 11 a Capodimonte nella suggestiva cornice del cortile della Rocca Farnese, la Banda del Racconto presenta: “Frammenti seminati – Narrazioni e istallazioni pittura-scultura”, evento artistico con tele di Ireneo Melaragni e “semi” dello scultore Cesare Bozzini. Letture en plein air a cura di Michela Benedetti, Olindo Cicchetti, Sara Grimaldi e Alfonso Prota della Banda del Racconto. Percussioni di Roberto Pecci. Narra e conduce Antonello Ricci con la partecipazione di Pietro Benedetti. Nel corso della mattinata verrà presentato il nuovo libro di Melaragni e Ricci “La pelle di un pittore è la sua terra”, fresco di stampa per i tipi di Davide Ghaleb Editore. L’iniziativa è inserita nell’ambito della manifestazione Insieme tra i fiori con il patrocinio del Comune e della Pro loco di Capodimonte nonché della locale Associazione commercianti.

CULTURA

Protocollo di intesa tra Fondazione Carivit e Archivio di Stato di Viterbo

Fondazione Carivit e Archivio di Stato di Viterbo hanno sottoscritto un protocollo d’intesa al fine di sviluppare forme di collaborazione nelle attività di promozione e diffusione della cultura quale motore di sviluppo locale e di inclusione sociale. Con questo accordo Fondazione Carivit e Archivio di Stato  di Viterbo, perseguendo il riconoscimento del valore e del ruolo essenziale della cultura all’interno di un territorio, si  propongono di ideare, sostenere, organizzare progetti, eventi e attività diverse, di studio e  di ricerca. I due soggetti, credendo nel valore aggiunto offerto dalla sinergia dell’azione congiunta, si impegnano pertanto a definire in tempi stretti modalità e forme di collaborazione da tradursi nell’organizzazione di incontri, convegni, seminari, mostre e manifestazioni culturali con appuntamenti di controllo periodico per verificare la qualità dell’offerta e studiarne eventuali miglioramenti. Una  particolare attenzione verrà dedicata alla promozione di attività di formazione, con corsi di aggiornamento teorico/pratici, anche in collaborazione con le scuole e con le Università pubbliche e private, per educatori, insegnanti, operatori sociali e cittadini e per tutte le categorie professionali e non.

SPORT

Diretta Sport su Radio Verde

Oggi dalle 17,30 Diretta Sport Viterbo” su Radio Verde (91.3 – 103.9 F.M.) dove si potrà seguire la finale scudetto della serie D Viterbese – Piacenza con la cronaca di Claudio Petricca, gli interventi di Maurizio Donsanti e i racconti di Angelo Vergari. Previsto un ampio pre-gara ed un dopo partita ricco di ospiti. Il tutto è condotto in studio da Luca Tofani coadiuvato da Beatrice Grani.

La festa di fine anno dell’Usd Montalto Calcio

montalto calcio Una grande festa dedicata la settore giovanile. Sul campo Incotti di Montalto di Castro, oggi, dalle  9,30, si terrà la chiusura della stagione agonistica dell’Usd Montalto Calcio per l’anno 2015/2016, in cui tutti gli atleti si incontreranno sul campo in erba per dare spazio ad una giornata di grande sport. Le prime due squadre ad entrare in campo al “1° Torneo Incotti” saranno l’Asd Civitavecchia Calcio 1920 e la formazione di casa del mister Fortunato Castriconi. Anche la seconda gara della giornata vedrà impegnati i giovanissimi dell’Usd Montalto Calcio, questa volta contro la formazione dell’A.C. Perugia Calcio, realtà professionistica con la quale da due anni è a stretto contatto con la squadra di casa grazie al contratto di affiliazione sottoscritto nel 2014. Due gare, quindi, molto impegnative, e qualunque sia il risultato finale, i ragazzi saranno all’altezza della situazione, come hanno sempre dimostrato durante la stagione agonistica appena terminata. Nel pomeriggio la terza partita di girone che i giovani di Montalto disputeranno contro l’Audace Portoferraio e a seguire le finali.  montalto locandina_calcio

Nel pomeriggio, contemporaneamente al torneo, si svolgerà sui campi B e C, la festa di chiusura della stagione sportiva della scuola calcio. Tutte le categorie, dai piccoli amici ai pulcini terzo anno, si incontreranno in gare e mini tornei per dare libero sfogo alla loro grandissima passione condivisa, il “calcio”. All’impianto sportivo sarà presente un servizio di gastronomia per chiunque volesse anche solo fare un salto per merenda. Una giornata in cui non mancherà l’entusiasmo fra i giovanissimi atleti e i genitori avranno modo di ricordare i bei momenti legati al periodo della stagione che, settimana dopo settimana, hanno visto crescere i propri figli. A conclusione della giornata tutti i piccoli atleti verranno premiati dai loro allenatori e dall’amministrazione comunale che, come ogni anno, supporta tutte le iniziative sportive presenti sul territorio. L’evento è infatti patrocinato dal Comune di Montalto di Castro.

Vela, a Capodimonte il trofeo intitolato a Giorgio Mauro Schirripa

vela_garaSettima edizione a Capodimonte per il trofeo di vela intitolato a Giorgio Mauro Schirripa, il compianto fondatore dell’associazione Eta Beta onlus. Oggi alle 10 nelle acque del lago di Bolsena si terrà la regata organizzata dall’associazione Eta Beta, presieduta da Pietro Di Bella, in collaborazione con il Comune e il Club Nautico di Capodimonte. Il dottor Schirripa, allora direttore dell’Unità operativa complessa di Neuropsichiatria infantile della Ausl di Viterbo, ebbe oltre dieci anni fa l’intuizione dell’elevato valore riabilitativo ed educativo della vela. Nacque così il progetto “Via col vento”, che propone tale attività a un gruppo di ragazzi e giovani adulti diversamente abili, attraverso una sinergia operativa tra associazione Eta Beta, Ausl Viterbo e Federazione Italiana Vela. L’esperienza ha avuto nel tempo un’evoluzione positiva, sul piano della riabilitazione, della socializzazione, del gradimento dei ragazzi, delle famiglie e della promozione del piacere e del benessere, indicatori fondamentali delle linee guida del centro socio-riabilitativo di Eta Beta. L’attività, che si svolge sul lago di Bolsena da giugno a fine agosto con uscite settimanali, si inquadra nel settore delle esperienze altamente specializzanti di “normalità”, insieme ai tirocini di lavoro e al laboratorio teatrale, che caratterizzano gli ultimi step del percorso formativo dei ragazzi. L’idea di istituire un trofeo dedicato a Giorgio Mauro Schirripa vuole dare ampio e dovuto riconoscimento all’ideatore del progetto e al principio che ha ispirato la sua opera: riconoscere ciascun ragazzo come soggetto di diritto e persona che ha diritto alla felicità. La giornata inizierà con il ritrovo presso il Club Nautico di Capodimonte, subito seguito dalla cerimonia del varo dell’imbarcazione Holland, tutta ristrutturata e messa a nuovo in seguito ad un laboratorio voluto dal Servizio disabile adulto della Asl, andato avanti per tutto l’anno. Dopo il pranzo al Club, alle 14 avverrà il raduno degli equipaggi presso il porto e alle 14.30 prenderà il via la regata del 7° Trofeo Schirripa. Intorno alle 17.30 premiazione di tutti i partecipanti presso il Museo della Navigazione, con brindisi e saluti finali. Il trofeo è stato realizzato dall’artista Alessio Paternesi.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da