16012021Headline:

Ticket, bene l’accordo: adesso le liste d’attesa

Miranda Perinelli (Spi Cgil) sull'eliminazione della sovrattassa a partire da gennaio

no-ticketPositivo l’accordo sulla sanità sancito da Regione Lazio da una parte, confederazioni, sindacati dei pensionati e del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil dall’altra. Gli impegni assunti dalla Regione in vista dell’uscita dal commissariamento sono importanti: il primo risultato positivo è l’eliminazione dei ticket regionali dal 1° gennaio 2017. Ma le misure che occorrono, per non vanificarne i benefici, sono sull’abbattimento delle liste d’attesa, intervenendo anche sull’intramoenia. Altri interventi urgenti per i cittadini laziali sono sull’Irpef regionale, oggi la più alta d’Italia.

Il ticket regionale, che era stato introdotto nel 2008 quando il disavanzo sanitario era superiore a 1,6 miliardi, riguardava tre prestazioni: risonanze e Tac (15 euro); specialistica ambulatoriale (4 euro) e fisiokinesiterapia (5 euro). Prestazioni il cui costo, dal 1° gennaio, non si dovranno più sommare al ticket nazionale della prestazione specialistica (36,10 euro) e alla quota fissa (10 euro): il risparmio per i cittadini laziali sarà di circa 20 milioni di euro.

Nell’accordo si annuncia anche l’apertura di tavoli di confronto per la realizzazione dei programmi operativi 2016-2018. Tra i temi ci sono quelli che sono stati indicati prioritari dal comitato direttivo sulla sanità della Cgil e dalla successiva assemblea regionale tematica: liste d’ attesa, intramoenia, case della salute.

Gli impegni assunti dalla Regione Lazio per i confronti che ci saranno nei prossimi mesi e a cui parteciperemo vanno collocati all’interno del percorso di mobilitazione e di attuazione della vertenza sanità, che come Cgil siamo impegnati ad attuare, per rilanciare il servizio sanitario pubblico e universale, a partire dalla nostra regione.

Miranda Perinelli

Segretaria Spi-Cgil di Civitavecchia-Roma Nord-Viterbo

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da