16122017Headline:

Al Pilastro la partita più complicata

La Virtus teme lo ''sfratto'' in favore della Viterbese. Il 12 dicembre scade il bando

calcioSul campo del Pilastro si sta giocando la partita più difficile – forse – di quelle disputate fino ad ora su quel terreno: la partita per la gestione degli impianti sportivi. Lo scorso 14 novembre è stato emanato il bando per il rinnovo della convenzione. Bando che scadrà il prossimo 12 dicembre. Nel mezzo c’è stato un consiglio comunale in cui è stato approvato un assestamento di bilancio per 500mila euro per la realizzazione del campo in sintetico. Condizione questa che aprirebbe la strada alla Viterbese. La squadra, in mancanza di un campo idoneo, è costretta infatti ad allenarsi a Grotte di Castro. I lavori finanziati dal Comune consentirebbero alla società di tornare nella propria città.

Una aspettativa legittima che incappa però nei timori dell’Asd Vitus Pilastro di essere ”sfrattata” dalla struttura che gestisce da 40 anni. ”Sappiamo bene che c’è un bando aperto e che la gestione verrà assegnata con quella procedura – dice Alessandro Lucchi della Virtus Pilastro – ma è anche vero che noi siamo lì da 40 anni e che abbiamo portato avanti un progetto per i bambini che vogliamo proseguire. Abbiamo saputo del bando in ritardo ma comunque nei tempi per partecipare visto che scade il 12 dicembre. Il nostro timore è di perdere il campo a favore della Viterbese”.

Alessandro Lucchi tiene a precisare che da parte della Virtus Pilastro c’è la massima disponibilità alla collaborazione con la società del patron Camilli. ”Già quest’anno abbiamo ospitato il settore giovanile – aggiunge – e c’è la volontà a proseguire la collaborazione anche in futuro. La Viterbese è la prima squadra della città ed è giusto che abbia una struttura per allenarsi vicino al Rocchi. Ma dalla collaborazione a perdere il campo ce ne corre”. Insomma il timore della Virtus Pilastro è che Camilli giochi l’asso piglia tutto.

”Esistiamo da 40 anni e facciamo sport e progetti solo per i bambini – conclude Lucchi – le due realtà potrebbero convivere”. La speranza è che nell’assegnazione della convenzione si tenga conto anche di tutto questo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da