21112019Headline:

In memoria di Chicho Mendes nel XXX anniversario della morte

Sabato il ''Centro di ricerca per la pace e i diritti umani'' ha commemorato il sindacalista assassinato

Sabato 22 dicembre 2018 a Viterbo presso il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” si e’ tenuto un incontro di commemorazione di Chico Mendes, sindacalista ed ecologista, difensore dei diritti umani, dei popoli e della natura, assassinato trent’anni fa il 22 dicembre 1988.
Chico Mendes, sindacalista, ecologista, amico della nonviolenza, martire; nato nel 1944, operaio nell’attivita’ estrattiva del caucciu’, sindacalista dei seringueiros, militante del Partito dei Lavoratori, difensore ecologico dell’Amazzonia, premiato dall’Onu per il suo impegno, per il suo impegno fu assassinato il 22 dicembre 1988. Scritti di Chico Mendes: Con gli uomini della foresta, Sonda, Torino 1989. Tra le opere su Chico Mendes: Andrew Revkin, La stagione del fuoco: l’assassinio di Chico Mendes e la lotta per salvare l’Amazzonia, Mondadori, Milano 1990; Vittorio Bonanni, Chico Mendes e la lotta dei seringueiros dell’Amazzonia, Datanews, Roma 1991; A. Schoumatoff, Il mondo sta bruciando. Chico Mendes e la tragedia dell’Amazzonia, Leonardo, Milano 1991; Miriam Giovanzana, Fermo come un albero, libero come un uomo, Terre di mezzo, Milano 2013; Gad Lerner, Chico Mendes, Feltrinelli, Milano 2013 (e-book).
Nel ricordo di Chico Mendes le persone partecipanti all’incontro chiamano ogni persona di volonta’ buona a proseguire la sua lotta nonviolenta in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e in difesa della biosfera.
Siamo una sola umanita’ in unico mondo vivente: salvare le vite e’ il primo dovere. Le persone partecipanti all’incontro hanno altresi’ condiviso l’appello promosso dalla struttura nonviolenta viterbese affinche’ la Corte penale internazionale de L’Aja intervenga nei confronti del governo italiano che perseguitando i migranti, omettendo di soccorrere i naufraghi, ed addirittura sabotando i soccorritori volontari che salvano vite innocenti nel Mediterraneo, commette un abominevole crimine contro l’umanita’.

Uno stesso impegno e’ difendere i diritti di ogni persona, difendere i diritti di tutti popoli, difendere i diritti dell’intero mondo vivente: solo la nonviolenza puo’ salvare l’umanita’ dalla catastrofe.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da