22102020Headline:

”Da mesi convivo con quel buco davanti al negozio, nessuno interviene”

A marzo la denuncia del titolare di una tabaccheria: ''Ad oggi non si è visto nessuno''

”Mettiamoci una pietra sopra” una volta con questa frase si sanciva la fine di una questione, ma in questo caso per Sergio Petroselli , proprietario dell’ omonima tabaccheria di via del Macel Maggiore, la proverbiale pietra non chiude una vicenda ma compre da mesi un buco accanto all’ingresso della sua attività commerciale, l’uomo che ha acquistato la Tabaccheria da qualche tempo, ha segnalato a più riprese il suo problema all’amministrazione comunale, anche tramite una lettera che personalmente ha fatto protocollare dall’ufficio competente, ma finora nessuno si è preoccupato di chiudere quel misterioso “buco” che deturpa l’ ingresso del suo negozio.

”Ho comprato questa attività lo scorso febbraio e la buca era già lì – spiega Petroselli – inizialmente ho pensato che fosse uno scavo fatto dalla Talete per riparare un guasto (visto che il foro è proprio sotto il mio contatore dell’acqua) ma quando ho telefonato all’azienda idrica, mi hanno risposto che l’origine della misteriosa voragine non era attribuibile a loro intervento, e mi hanno consigliato di chiamare il Comune, e qui è cominciato il mio calvario – continua a dire il commerciante – ho scritto una lettera dove spiegavo dettagliatamente il mio problema e chiedevo l’ intervento delle autorità competenti, e l’ho portata personalmente il 18 marzo all’ufficio protocollo del Comune, ma non ho avuto nessuna risposta e il buco, le tavole e il sasso sono sempre li.

Dopo un mese circa di attesa, il 5 Luglio in occasione dell’inaugurazione delle sedute a piazza san Carluccio, quando ho visto l’ assessore Laura Allegrini mi sono permesso di fermarla per fargli presente la cosa, lei gentilmente mi ha risposto che in settimana sarebbe ritornata per vedere meglio il problema, ma mi sembra che questa settimana sia lunghina, visto che nessuno si e ripresentato, tra l’ altro – continua il tabaccaio – non so di chi possa essere la responsabilità del danno e non so nemmeno cosa possa esserci la sotto, visto che al lato del foro si vede un punto più profondo, quindi è ipotizzabile che in profondità magari ci sia una cantina o altro, ma ovviamente se nessuno indaga e agisce di conseguenza, di certo la fossa da sola non si chiude. E la cosa oltre che essere un brutto biglietto da visita per il nostro bel quartiere medievale, danneggia anche l’immagine del mio negozio”.

Ovviamente vedere una voragine coperta da tavole fermate da un sasso, non dà certamente il benvenuto ai turisti che entrano nel quartiere San Pellegrino, e volendo concludere citando un altro proverbio si può affermare senza tema di smentita che in questo caso e sicuramente ”peggio la pezza che il buco”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da