21102017Headline:

Obino e Simoncini: peccato non riaverli

Gente che va, gente che viene. No, non è l’Hotel Excelsior di Roma (o di qualsiasi altra città, fate voi), bensì la sala consiliare di palazzo dei Priori, che nelle prossime settimane vedrà tante facce nuove e non ne vedrà più altrettante ormai conosciutissime.

E’ il classico ricambio (stavolta più accentuato) che si registra ad ogni elezione, perché questa è la politica e questa è la democrazia, bellezza. Dove conta avere quelli che, oltre a votare la tua lista, devono darti anche la preferenza, ossia scrivere il tuo nome sulla scheda. Nelle comunali poi, contano le amicizie, le parentele, le lobby e quant’altro. E spesso il risultato finale è che in consiglio non entrano i più capaci o i più competenti, ma chi s’è saputo muovere meglio nelle relazioni interpersonali. Così stavolta è accaduto che due consiglieri, che si sono rivelati utili per la città, sono rimasti fuori della porta. Parlo di Antonio Obino (lista Ego sum leo) e Francesco Simoncini (Lista La destra).

Antonio Obino

Antonio Obino

Partiamo dal primo: imprenditore della pubblicità con il pallino del decoro urbano, per cinque anni è stato il vigilante del motto “la città più pulita è più bella”. A bordo della sua moto ha girato in lungo e in largo centro e periferia alla ricerca degli scempi, segnalandoli all’esecutivo e sollecitandone la rimozione. Ha ingaggiato una vera e propria lotta di civiltà contro i writers, convincendo gli studenti dell’istituto magistrale Santa Rosa a scrivere le loro frasi sui telefonini e non sui muri. E’ arrivato anche a istituire un premio in denaro per i writers pentiti. Meritava di continuare la sua opera, ma sicuramente lo farà ugualmente, pur non sedendo più sui banchi di palazzo dei Priori.

Francesco Simoncini

Francesco Simoncini

Il secondo: consigliere di lungo corso, ha dimostrato coi fatti il suo immenso amore per gli amici a quattro zampe. Ricevuta la delega per l’assistenza agli animali, si è reso protagonista di tante iniziative, tra cui la proposizione, con relativa approvazione, del regolamento per i diritti degli animali, l’organizzazione della “Festa dell’amicizia a quattro zampe”, l’approvazione della delibera che eroga un contributo a chi adotta un cane. E, da ultimo, l’atto forse più importante: l’acquisto da parte del Comune del canile di “Settepani” a Bagnaia, per farne un ricovero degno dei più cari amici dell’uomo. Un’opera che purtroppo non potrà portare a termine da consigliere comunale. La speranza è che comunque venga coinvolto affinché, magari con altro ruolo, possa dare ancora il suo prezioso contributo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

24   Commenti

  1. Giorgio Molino scrive:

    Peccato non riavere il delegato al decoro (quale?) urbano e il camerata bau-bau a far flanella a Palazzo dei Priori? Nessuno li rimpiangerà, di questo possiamo esserne più che sicuri.

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da