25042024Headline:

Pd unitario? Missione impossibile

Sandro Mancinelli, Martina Minchella, Andrea Egidi

Sandro Mancinelli, Martina Minchella, Andrea Egidi

Missione allargamento: parzialmente compiuta. L’idea di Andrea Egidi di aprire la segreteria provinciale del Partito democratico anche alla componente renziana è riuscita soltanto in parte. O meglio: la proposta del segretario di cercare un’azione maggiormente condivisa “in linea con quello che accade a livello nazionale”, ha convinto soltanto quelli di Piazza democratica (che col candidato Trani avevano sfidato lo stesso Egidi alle ultime primarie provinciali e che già dopo la sconfitta si erano allineati alla maggioranza). I turborenziani della prima ora, invece, pur condividendo in una lettera le intenzioni del segretario, restano fuori, considerando come “esaurita” l’esperienza di Piazza democratica, una formazione a loro dire funzionale soltanto alla fase congressuale.

In soldoni: entrano in segreteria gli esponenti di Piazza democratica Alessio Trani, Piergiorgio Medori ed Elisa Tolomei. Dice no invece Sandro Mancinelli, che pure Egidi voleva cooptare nella sua squadra e che sarebbe stato un colpo fortemente simbolico, visto che Mancinelli – insieme al capogruppo del Pd in consiglio comunale, Francesco Serra – è un renziano storico.

Mancinelli, come gli altri 23 esponenti del partito fedeli a “Matteo” hanno scritto una lettera ad Egidi per spiegare loro convinzioni. A quanto risulta a Viterbopost, la proposta di Egidi – per quanto apprezzabile – è ritenuta incompleta e troppo “tattica”, in un momento in cui, secondo loro, servirebbe andare oltre, dimenticare le vecchie abitudini del vecchio partito e cambiare definitivamente passo. In questo, i 24 turborenziani (tra cui diversi consiglieri comunali, da Serra alla Minchella, da Volpi a Troili) sottolineano tutti i limiti della segreteria Egidi, poco incline (eufemismo) a loro dire, ad ascoltare le ragioni delle altre correnti. Almeno fino all’ultima proposta, arrivata forse fuori tempo massimo (e con il sospetto che potesse servire al segretario a rafforzare la sua poltrona) per ricompattare i vertici provinciali del partito.

E adesso? Egidi ha provato ad allargare la segreteria, e finora ha ottenuto soltanto di spezzare in due i renziani, con i sopravvissuti di Piazza democratica dentro e i renziani della prima ora fuori, seppur disponibili al confronto. Una situazione stabile o provvisoria? Staremo a vedere.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da