27052024Headline:

Tofani e Moltoni, Comune in fibrillazione

Implicazioni giuridiche e politiche in una vicenda che provoca molti mal di pancia

Maurizio Tofani, capogruppo di Oltre le mura

Maurizio Tofani, capogruppo di Oltre le mura

Sulla vicenda della decadenza dei consiglieri comunali Francesco Moltoni e Maurizio Tofani, si è detto (e letto) tutto e il suo contrario. Una situazione che più ingarbugliata non si può, con implicazioni amministrative e politiche e in cui persino esperti giuristi fanno fatica a raccapezzarsi. Vale la pena fissare alcuni punti fermi. Il primo è che i due attuali esponenti di Oltre le mura (che fa parte della maggioranza di centrosinistra che governa Viterbo), in passato avevano fatto parte della giunta comunale  di centrodestra, rimasta coinvolta nel crac Cev. Per questo sono stati condannati a risarcire il Comune con 80mila euro a testa e queste somme sono state già inserite nella variazione di bilancio: quindi vanno incassate.

Il processo penale manca ancora del passaggio in Cassazione, il tassello finale che stabilirà in via definitiva la colpevolezza o meno, ma ai fini amministrativi e contabili, la condanna è già esecutiva e dunque i due devono pagare. Un ulteriore passaggio è costituito dal fatto che, se il pagamento avvenisse in contanti, i due potrebbero conservare l’incarico di consigliere. Altrimenti vanno a casa. Salvo correzioni di giuristi ed esperti, le cose allo stato dell’arte starebbero così.

Il Comune, dunque, è tenuto ad incassare quelle somme, altrimenti potrebbero esserci conseguenze sia contabili che penali per tutti i singoli consiglieri: perché, in sintesi, non avete provveduto a ricevere quanto dovuto? Ma con un’appendice non da poco: e se la Cassazione dovesse assolvere Moltoni e Tofani? A quel punto, i due potrebbero rivalersi nei confronti di tutti coloro che si sono espressi per la decadenza perché la responsabilità – e questo è risaputo – è personale. E quindi non sarebbe l’amministrazione come ente ad essere chiamata ad eventuali risarcimenti ma i singoli. La vicenda, alla resa dei conti, interessa trasversalmente maggioranza e opposizione.

Il consigliere comunale Francesco Moltoni

Il consigliere comunale Francesco Moltoni

Su tutto questo caos amministrativo e giudiziario (possibile che in Italia non si possano scrivere norme chiare e univocamente applicabili?), si inseriscono le implicazioni politiche. Da più parti è stato fatto balenare il sospetto che la vicenda abbia subito una sorta di accelerazione per “punire” Oltre le mura e soprattutto Tofani per essersi messo di traverso all’elezione di Francesco Serra come presidente del consiglio comunale. Una “vendetta”, insomma. Che però si scontrerebbe contro l’intenzione dello stesso Tofani di pagare gli 80mila euro cash e quindi di conservare, anche in caso di voto contrario, lo scranno di consigliere comunale. Con quali conseguenze  per la tenuta dell’amministrazione Michelini è tutto da verificare.

Comunque la si guardi, la vicenda presenta spine e implicazioni di non facile lettura ed interpretazione. Stamattina se ne discuterà in prima commissione (presidente Melissa Mongiardo) con la speranza che la riunione si chiuda facendo chiarezza e mettendo a posto i tanti punti che ancora sono sospesi.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da