13042024Headline:

Tutto (o quasi) quello che c’è da sapere

Cronaca, eventi, teatro, musica, economia e altro ancora...

CRONACA

Trasversale, Mazzola chiede di visionare il tracciato

Il sindaco Mauro Mazzola (2)Il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola chiede l’accesso agli atti ad Anas per il tracciato viola della Trasversale (tratto Monte Romano est – Civitavecchia). Il primo cittadino ha inoltrato una richiesta per visionare i documenti del progetto definitivo nella versione che ha recepito le prescrizioni della DEC/VIA n. 198 del 18 marzo 2004 del tracciato stradale “Corridoio di monte (tracciato definitivo approvato viola)”. “La Trasversale va completata ma non passando per la valle del Mignone – sottolinea il sindaco Mazzola – Quella che è un’opportunità di sviluppo, non può invece diventare un motivo di scontro con la comunità. Anas non faccia ‘orecchie da mercante’ e ascolti le istanze che arrivano dal territorio. Serve una soluzione condivisa. E la soluzione è il tracciato già approvato, con il via libera del Cipe. Quello che in larga parte era in galleria. Sebbene costi un po’ di più, avrebbe però evidenti benefici per Tarquinia e per la Tuscia”.

Viterbo, si cerca un dirigente per il termalismo e il GiubileoTerme bullicame

Online l’avviso pubblico per il conferimento di incarico dirigenziale, con contratto di lavoro a tempo determinato, per la direzione della struttura organizzativa temporanea di livello dirigenziale, denominata Ufficio speciale per lo sviluppo del termalismo e del turismo nell’anno giubilare. Le domande di partecipazione alla selezione dovranno pervenire al Comune di Viterbo entro e non oltre il prossimo 10 febbraio, con le seguenti modalità: o direttamente mediante consegna a mano presso l’ufficio protocollo generale del Comune di Viterbo, via Ascenzi 1, secondo piano, nei giorni di apertura al pubblico, ovvero dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12, martedì e giovedì anche dalle 16 alle 17, oppure spedita con servizio postale con raccomandata A/R indirizzata a Comune di Viterbo – settore I – servizio Personale – via Ascenzi 1 – 01100 Viterbo, oppure spedita con posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo protocollo@pec.comuneviterbo.it . Si tratta, nello specifico, di una procedura selettiva pubblica per il conferimento di un incarico dirigenziale con contratto di lavoro a tempo determinato, per la direzione della struttura organizzativa temporanea di livello dirigenziale, con equiparazione al settore, con durata dalla sottoscrizione del contratto di lavoro fino al 20 novembre 2016. Sono richieste competenze in marketing e management del turismo (possesso competenze tecniche per trasformare le singole risorse e attrattive del territorio in offerte e prodotti turistici integrati e organizzati), competenze in materia di tutela, valorizzazione e riqualificazione ambientale dei territori in cui insistono concessioni di acque termali, competenze in materia di recupero e valorizzazione dei siti termali, e di sfruttamento delle acque termali. La versione integrale dell’avviso pubblico è scaricabile dal sito istituzionale www.comune.viterbo.it , sezione servizi online – concorsi e selezioni (http://www.comune.viterbo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/6520).

Ronciglione, il Giorno della Memoria celebrato attraverso le memorie di un partigiano

ronciglione assessore SangiorgiRonciglione ha celebrato la giornata della memoria con la tappa del “Memory Tour 2016 – Giornata della Memoria itinerante”, un’iniziativa promossa dal servizio InformaGiovani 8+ che coinvolge anche i comuni di Sutri, Capranica, Caprarola, Trevignano Romano e Viterbo. Quello a Ronciglione è stato il secondo incontro del tour ed ha visto la folta platea della Sala Conferenze della “Residenza La Pace” assistere con attenzione e curiosità alla presentazione della storia illustrata “Non ti scordar di me”, di Corrado Bianchetti. Un pubblico composto da circa cento studenti delle terze classi della scuola media appartenente all’Istituto Comprensivo “Mariangela Virgili”, oltre a insegnanti, istituzioni, operatori giovanili e anziani. Dopo i saluti iniziali dell’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Ronciglione Daniela Sangiorgi (nella foto a sinistra), la quale ha ribadito i ringraziamenti da parte dell’amministrazione comunale ai promotori della manifestazione e all’autore Corrado Bianchetti, hanno preso la parola le responsabili del servizio InformaGiovani Federica Batocco e Anna Lodeserto: “Mantenere viva la memoria di un paese attraverso il ricordo – afferma Anna Lodeserto (nella foto sotto a destra), coordinatrice di InformaGiovani – significa renderla parte attiva della nostra quotidianità e delle nostre scelte future, non un’immagine statica come quella di un fumetto, che rischia di finire chiusa in un cassetto”.ronciglione responsabile informa giovani

Proprio di immagini ha poi parlato Corrado Bianchetti (nella foto sotto a sinistra), quelle che rendono la sua storia tutt’altro che statica, ma più che mai vivida ed intrisa di emozioni. “Non ti scordar di me” nasce da un concorso vinto dal giovane autore piemontese, indetto dal servizio InformaGiovani di Ivrea. La storia è quella che Corrado ha ascoltato migliaia di volte da piccolo dai racconti di suo nonno, è la storia della sua famiglia. Aldo Porta è il prozio dell’autore, partigiano in Val Luserna fucilato a Caluso, comune del Canavese in provincia di Torino, il 7 aprile 1944: “Sono partito dal diario di Aldo, un ragazzo proprio come me, con le sue passioni e la sua quotidianità, costretto a rifugiarsi sulle montagne per non aderire al partito fascista. Mi sono appassionato alla sua storia perché non era quella di un eroe, ma di un ragazzo semplice di 22 anni come ce ne sono tanti. Così ho deciso di raccontarla con il mio linguaggio, quello illustrato, per tramandare ai giovani ciò che ha vissuto Aldo, uno di loro, affinché comprendano meglio la realtà di un periodo che tra poco non avrà più testimoni diretti, ma che è nostro dovere ricordare”.

Corrado BianchettiUn racconto nato sulle pagine di un diario di famiglia ma che si è poi arricchito di preziosi tasselli storici, testimonianze dirette di coloro che sono stati sulle montagne con il partigiano Aldo Porta o che hanno partecipato alla lotta partigiana nel territorio tra la Valle Po e la Val Pellice (anticamente nota come Valle di Luserna), valli alpine in provincia di Torino. A fare da cornice a questo scenario, la storia del suo amore per una ragazza di nome Rosa, conosciuta casualmente durante il servizio militare tra gli ulivi di Diano Gorleri, frazione di Diano Marina immersa nel verde ligure di Capo Berta. E quel fiore, conosciuto con il nome di “non ti scordar di me”, donato alla sua amata come buon auspicio prima di partire per la guerra. La mattinata si è conclusa con le numerose curiosità degli studenti rivolte all’autore e con l’omaggio a tutti i partecipanti, da parte dell’assessore Daniela Sangiorgi, del video documentario “Conoscere la guerra per scegliere la pace”, realizzato nel 2014 dal Comune di Ronciglione insieme alle terze medie dell’Istituto Comprensivo “M. Virgili”.

Orte, i racconti di Salvatore Federici alla Giornata della Memoriagiornata memoria orte federici

Molto attenta e coinvolta è stata la partecipazione degli studenti e dei docenti presenti all’incontro di riflessione tenutosi, in occasione della Giornata della Memoria, presso l’Istituto d’Istruzione superiore “Fabio Besta” di Orte. Bisogna ringraziare, in primo luogo, Massimo Recchioni, presidente dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) di Orte, regista dell’evento per aver ricordato la necessità di una corretta trasmissione storiografica dei fatti concernenti la Resistenza, in un ottica sempre più inclusiva e attenta ai diversi contesti occorsi, e Giovanna Cavarocchi, presidentessa dell’Auser (Associazione per l’invecchiamento attivo) di Viterbo, che ha menzionato il ruolo fondamentale dei nostri anziani e ancora i volontari tutti, tra cui in particolare l’instancabile professoressa Anna Santori, tanto vicina e attenta al dialogo con gli alunni. Un grazie ancora agli studenti che hanno partecipato attivamente, cimentandosi personalmente in letture ad alta voce di poesie e dialoghi.

giornata memoria orte 1Un seme molto fecondo è stato seminato, grazie al racconto di uno spaccato di vita di un ” vero eroe del nostro tempo”, come giustamente è stato definito, da uno dei partecipanti, Salvatore Federici (nella foto in alto a destra), ex deportato, presidente del comitato provinciale di Viterbo dell’Ancr (Associazione nazionale combattenti e reduci), un nostro anziano concittadino di più di 90 anni, molto arzillo e lucido, che ha saputo mirabilmente intrattenere la sua giovanile platea con un racconto emotivamente fresco e vivo, parlando prima della sua dura formazione presso la scuola della Marina militare di Napoli, conseguente ad una, a suo dire, scarsa attitudine agli studi, poi della sua natura caparbia e della sua ribellione coraggiosa all’imperante barbarie del nazifascismo, pagata allora con la prigionia, ma oggi lautamente ricompensata da un convintissimo e meritatissimo plauso corale, quasi da lezione magistrale. Un grazie speciale e convinto anche a Giuseppe Sini, il responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo, per aver fatto soffermare sul significato che è non solo, puramente celebrativo, della giornata della memoria alle vittime della Shoah, ma mira ad avere il significato più profondo di un risveglio delle coscienze di noi tutti, nel senso di un’opposizione convinta e consapevole a simili atrocità e barbarie.

EVENTI

Etruscans, un affascinante viaggio nella storia degli EtruschiMarco Pacciarelli

E’ un “Villanoviano doc” il relatore del talk show  in programma oggi alle 17,30 della rassegna di Historia “Etruscans” giunta al suo terzo appuntamento. Marco Pacciarelli (nella foto), docente di Paletnologia e Preistoria e Protostoria presso l’Università di Napoli Federico II, è anche un attivo archeologo con un curriculum impressionante che va da prestigiose campagne di scavo ad allestimenti di eventi e mostre straordinarie tra le quali spicca quella conservata al Museo di Verucchio (Rieti) – realizzata in collaborazione con Patrizia Von Eles- della quale sono presenti molte fotografie in 3D nella Mostra Etruschi 3D attualmente in esposizione alla ex Chiesa degli Almadiani a Viterbo fino al 4 maggio prossimo. Marco Pacciarelli racconterà il mondo degli antenati degli Etruschi, uomini e donne dell’età del ferro, con i loro vasi biconici, gli elmi, le spade, i manufatti e addirittura alcune vesti e troni in legno, ceste di vimini ancora conservati dalla torba nella quale sono stati rinvenuti. Un viaggio affascinante verso l’ottavo e settimo secolo a.C. che vedrà risplendere la luce dell’arte dell’antico popolo degli Etruschi.

Alla scoperta di Pianoscarano e degli aneddoti viterbesi

aneddoti genn 2016pianoscarano genn 2016Riprendono le visite guidate particolari dell’ufficioTuristico su Viterbo e immediato comprensorio. Domani e domenica in programma due escursioni molto interessanti dal punto di vista storico e folkloristico. Le visite sono parte integrante di un ciclo di escursioni in cui proporremo dei percorsi inusuali e caratteristici, dando vita ad itinerari che consentiranno al visitatore di guardare al nostro territorio secondo prospettive e punti di vista poco comuni.

Domani si comincia con “Aneddoti viterbesi”: Marco Zanardi propone un’insolita visita guidata nel centro storico di Viterbo durante la quale si sveleranno tanti aneddoti e curiosità poco conosciute. Il percorso toccherà le piazze e i monumenti più belli e famosi della città. Una piccola anticipazione: perchè San Pellegrino è il quartiere medievale più intatto d’Europa? Appuntamento alle 16 presso l’Ufficio Turistico di Viterbo (Via Ascenzi, 4). Costo della visita 8 euro (gratuito per bimbi da 0 a 5 anni). Per info e prenotazioni: 0761 325992; infotuscia@fastwebnet.it. Prenotazione obbligatoria entro le 13.00 del giorno della visita

Domenica il tema è ugualmente stuzzicante: “Pianoscarano – Da castra militare a gioiello medievale: storie, leggende, curiosità”. Uno dei quartieri più antichi della città, un angolo di Viterbo ricco di tradizioni e storie popolari, affascinanti e poco conosciute. Pianoscarano ha sempre vissuto una storia a sé stante, dove gli abitanti, uscendo dal loro quartiere per raggiungere San Pellegrino, dicevano di andare a Viterbo, come se vivessero in una città diversa. Appuntamento alle 16 presso l’Ufficio Turistico di Viterbo. Per info e prenotazioni: Tel. 0761 325992; E-mail infotuscia@fastwebnet.it. Prenotazione obbligatoria entro le 13 del giorno della visita

TEATRO

A Carbognano la commedia “30 senza lode”carbognano 2

Per il prossimo appuntamento il Teatro Bianconi deve registrare un altro cambiamento di programma dettato dalle produzioni teatrali. Domenica alle 17.30 il teatro viterbese vedrà protagonisti sempre Marco Falaguasta e Marco Fiorini ma non nel previsto Acqua in bocca, ma bensì nella commedia “30 senza lode” scritta e diretta dallo stesso Marco Falaguasta. Sul palcoscenico insieme ai due attori romani Sara Sartini e Claudia Campagnola.

carbognano 4“Essere e voler essere…”: rivisitazione dell’eterno dilemma. Si può ridere dei conflitti interni ad ognuno di noi? Attraverso Claudio, un giovane e affermato architetto che conduce una vita agiata e tranquilla, va in scena, con risvolti comici e spesso esilaranti, il conflitto umano tra quello che il protagonista fa e quello che avrebbe voluto fare della propria vita. Durante la ristrutturazione di una villa, Claudio conosce Fiore, una bellissima decoratrice. Tra i due, nasce una simpatia: quella che sembra una notte che ogni uomo sognerebbe di trascorrere, si trasforma però in una giostra di emozioni, di timori, di angosce, di scoperte. L’avventura, cercata e trovata dallo stesso Claudio, rompe sì la monotonia della sua vita, ma termina non proprio come aveva progettato lui. Fiore, innamorata dell’appartamento di Claudio, “dell’energia” che entra nella casa, ha trovato la sua nuova dimora! Ogni tentativo è vano: non vuole andarsene, ma sta per tornare Fabiola, la fidanzata di Claudio.Che fare? Disperato, chiede l’intervento del suo fidato amico Egidio, ma dopo aver tentato tutto il possibile non rimane che un’unica soluzione: eliminarla e far sparire di corsa il cadavere!! I nostri “killer” che non hanno alcuna esperienza nel settore, si ritroveranno ad affrontare situazioni paradossali, esilaranti, complicate dall’arrivo di Carlo e Roberta.carbognano 3

Una commedia a dir poco esilarante. Due ore di puro spasso con spettatori costretti a contorcersi sulle poltrone con le lacrime agli occhi, pacchetti e pacchetti di fazzoletti esauriti in una sola serata. In una perfetta simbiosi fin dalla prima battuta in scena con Claudio, il protagonista “volontario” di una esperienza che può definirsi reale e surreale insieme, perché accomunata al nostro vivere quotidiano.

carbognano 1Così lo stesso Falaguasta racconta la genesi di questo testo: “Ogni volta che ascolto racconti di vita, la mia mente non resiste al fascino di renderli paradossali e teatrali. Devo l’ispirazione di questa commedia a un mio coetaneo che mi ha raccontato un fatto realmente accaduto! L’aspetto che più mi colpiva mentre lo ascoltavo era la disperazione, il panico, l’agitazione che promanavano dalle sue parole nonostante mi stesse semplicemente riportando un episodio accaduto tanti anni prima. Lui aveva deciso di vivere ’un’escursione’ che rompesse la monotonia del quotidiano, convinto però che, terminata l’esperienza, sarebbe tornato alla rassicurante routine di tutti i giorni. Così non è stato! L’escursione a un certo punto è sfuggita al suo controllo gettandolo nella disperazione più profonda, e più tentava di uscirne più comicamente rimaneva vittima di quella sabbia mobile che sembra essere la vita quando decide di diventare beffarda e dispettosa. Osservando costantemente i nostri tempi, ho capito che la stragrande maggioranza di noi vive un grande conflitto, un grande disagio, tra quello che fa e quello che avrebbe voluto fare della propria vita e la comicità è tutta in questa continua lotta, in questo duellare tra realtà e desideri. A pensarci seriamente la situazione sarebbe tristissima e catastrofica, ma per fortuna tra noi e la catastrofe interviene a salvarci la capacità di ridere delle nostre incertezze”.

Per informazioni e prenotazioni si può consultare il sito internet www.teatrobianconi.it, la pagina facebook  del Teatro Bianconi o telefonare al 340 1045098 (24h) o allo 0761 613695.

MUSICA

Al via l’edizione 2016 della rassegna “Il Quartetto d’Archi”Quartetto Delfico

Il Quartetto Delfico apre l’edizione 2016 della rassegna “Il Quartetto d’Archi”, ideata e organizzata dalla Fondazione Etruria Mater, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale e il Comune di Tarquinia. Nella Loggia di Palazzo Vitelleschi, sede del Museo Nazionale Archeologico, domenica, alle 17, l’ensemble si esibisce in un programma che spazierà da Cirri a Haydn, Mozart e Beethoven. Nato nel 2010 dall’incontro di Mauro Massa e Andrea Vassalle (violini), Gerardo Vitale (viola) e Valeria Brunelli (violoncello), il Quartetto Delfico ha caratterizzato il suo percorso artistico affiancando al grande repertorio, classico e primo romantico, la riscoperta e lo studio del repertorio italiano per quartetto d’archi. In questa prospettiva, dal 2013, il Quartetto Delfico affianca il Conservatorio “Luigi Cherubini” nell’opera di riscoperta e valorizzazione delle pagine quartettistiche presenti nel “Fondo Pitti”, prezioso archivio musicale dei Granduchi di Toscana conservato nella Biblioteca della medesima istituzione. Inoltre, dallo stesso, anno collabora a “Quartetti d’Italia”, progetto curato dallo IASM, che si occupa di riportare alla luce quartetti composti da autori italiani tra XVIII e XIX secolo, nonché di curarne le prime esecuzioni in epoca moderna. Il Quartetto Delfico si è esibito per il Maggio Musicale Fiorentino, Ravenna Festival, i Concerti del Quirinale-Radio Tre, il Gaudete! Festival, l’Associazione “Angelo Mariani” di Ravenna, la Rassegna da Camera dei Solisti Aquilani, la rassegna “Pietro Nardini” promossa dall’istituto “P. Mascagni” di Livorno.

La direzione artistica della rassegna “Il Quartetto d’Archi” è affidata almaestro Leandro Piccioni, compositore, pianista e direttore di orchestra. La manifestazione ha il sostegno di Enel, BCC Roma, Giove Gas, Camping Tuscia Tirrenica ed Etruria Musei. L’ingresso è libero ma è obbligatorio prenotarsi nella settimana che precede il concerto, presso l’ufficio d’informazione e accoglienza turistica del Comune di Tarquinia (tel. 0766/849282, email info@tarquiniaturismo.it).

ECONOMIA

Ripartono i corsi di formazione per apprendisti 

Si riparte con i corsi per la formazione obbligatoria degli apprendisti assunti con contratto di apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere. Lo rende noto CNA Sostenibile. Le iscrizioni, che devono essere effettuate per via telematica, sul portale S.APP2, sono aperte per i corsi validi per la prima annualità (“Competenze di base e trasversali”) in programma a Valentano dal 4 febbraio, a Viterbo dal 2 marzo e a Civitavecchia dal 7 marzo. A breve, l’offerta sarà completa, quindi comprenderà anche la seconda e la terza annualità (“Competenze informatiche per l’office automation”, “Problem solving e processi decisionali”) e interesserà anche le sedi di Civita Castellana, Montalto di Castro e Acquapendente. La partecipazione è gratuita per tutte le piccole e medie imprese, perché finanziata dalla Regione Lazio. Ciascun corso ha una durata di 40 ore (8 al giorno per cinque giorni e obbligo di frequenza pari a 32 ore).  CNA Sostenibile può provvedere, a titolo gratuito, alla registrazione dell’impresa nel portale. Si ricorda che le iscrizioni degli apprendisti possono essere effettuate fino ai tre giorni lavorativi antecedenti la data di inizio del corso, verificata la disponibilità dei posti (massimo 20 allievi in ciascuna aula). E’ bene, pertanto, procedere il prima possibile alla registrazione, propedeutica all’iscrizione dell’apprendista. Info: CNA Sostenibile, telefono 0761.176831. Indirizzo e-mail: rachelebelloni@cnasostenibile.it; siti internet: www.cnasostenibile.it,  www.cnaviterbocivitavecchia.it.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da