13042024Headline:

Viaggiare nel passato per conoscere il presente

Nelle scuole di Montalto e Pescia parte il progetto "La Tuscia oggi, realtà e sviluppo"

Un'immagine di Montalto di Castro

Un’immagine di Montalto di Castro

Due sono i modi per conoscersi a fondo: lavorare in gruppo, e quindi comprendere quanto si è bravi a cooperare. E poi scavare. Cioè scendere nelle proprie radici, al fine di ripercorrere i passi di chi ci ha portato ad essere ciò che siamo.
Con questi semplici e facili principi, nasce il progetto “La Tuscia oggi, realtà e sviluppo”. Un’idea dedicata ai più piccini, promossa dall’associazione Cultura e risorse, col supporto economico della Banca di credito cooperativo di Roma.
Prima lo scopo, poi il succo. Il corso (perché è di questo che si sta parlando) è finalizzato a promuovere lo sviluppo della coesione e della collaborazione. E a stimolare la coscienza storica negli studenti. Attraverso un percorso motivante e variegato che li vedrà protagonisti in ogni sua fase, e che li porterà a riscoprire e valorizzare i luoghi che ogni giorno frequentano, e a sviluppare il senso di una comune appartenenza alla realtà territoriale in cui vivono.
Bene. Partecipano al tutto la classe 2C di Montalto di Castro e le 2A/P di Pescia Romana. Questa la situazione su Viterbo. Anche se la faccenda ha registrato adesioni nell’intera regione Lazio. Inserendosi nel più ampio contenitore dal nome “Viaggi nella storia”. Finalizzato alla realizzazione di una collana di romanzi storici illustrati.
“Il programma – dicono dalla scuola – prevede di raccontare le vicende di due pittoreschi personaggi; Omero, un vecchio marinaio visionario alla ricerca delle sue origini, e il suo amico e pilota di mongolfiera Pal. E delle loro peregrinazioni, che li portano a girovagare per l’Italia alla scoperta della storia, e ad incontrare personaggi prodighi di racconti e aneddoti. Si tratta di pubblicazioni dall’immediata fruibilità, in cui i ragazzi sono gli autori del capitolo relativo al proprio paese”.

Pescia Romana

Pescia Romana

Perfetto. Cosa faranno? “Il lavoro consiste nella scrittura a più mani di un romanzo di viaggio – proseguono – con capitoli dedicati a Tarquinia, Monte Romano, Montalto di Castro, Pescia Romana, Valentano, Marta, Ischia di Castro e Farnese. I ragazzi dovranno darsi da fare prendendo in considerazione il proprio comune di appartenenza, guardando alla sua realtà attuale e agli sviluppi auspicati per il futuro”.
Ottimo. Anche perché il corso prevede incontri pomeridiani in cui si alterneranno momenti di ricerca multimediale, didattica laboratoriale, e interviste agli esperti. Inoltre i due racconti, che saranno i prodotti finali, andranno a costituire altrettanti capitoli di un volume nuovo e originale dedicato ai borghi della Tuscia. Non manca poi il classico premio ai “migliori”, decretato da uno specifico comitato.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da