25042024Headline:

Comune, quelle pubblicità mai pagate

Giallo sui soldi della Cultura a copertura della campagna di ''Sacro e Profano'' del 2014

Sacro e Profano finì anche sul Corriere della Sera

Sacro e Profano finì anche sul Corriere della Sera

Promozione delle iniziative culturali ”adottate” dal Comune, una vera e propria croce per Palazzo dei Priori. Difficile per l’amministrazione riuscire a costruire una copertura economica che renda possibile non solo l’andare in porto dell’evento di turno ma anche una proporzionata comunicazione. E il nodo, ormai il suo presentarsi è routine, è tornato al pettine in occasione di ”Tra Forma e Segno”.

Quadri firmati da grandi nomi dell’arte internazionale, il ragguardevole numero di una settantina di opere provenienti dalle collezioni di San Marino e del fondo Scudo, e zero euro per la promozione. Il che è francamente uno scandalo. Ma in passato è accaduto anche di peggio: macchina della comunicazione messa in moto e poi lasciata a bocca asciutta. Veniamo al dunque.

Corre il Natale 2014 e l’amministrazione Michelini decide di puntare forte sull’arte. Inaugurano la stagione delle mostre con ”Sacro e Profano”. Iniziativa che ha una sua logica, anche quella costata diverse decine di migliaia di euro, e nella stanza dei bottoni capiscono che fare una cosa e non comunicarla non produce grandi risultati.

CONTINUA SU WWW.VITERBONEWS24.IT

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da