25042024Headline:

L’arroganza logora chi non ce l’ha (più)

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Illusioneeee. Dolce chimera sei tu…!!!” Tutto preso dai lavori primaverili in giardino, Antonio quella mattina era particolarmente allegro. E mostrava al mondo intero il suo buon umore, complice anche il primo tepore primaverile, cantando a squarciagola mentre circumnavigava il suo pratino inglese con la macchinetta scarificatrice.

“Antò – lo apostrofò Barbara, che s’era appena alzata dal letto e aveva appena ingurgitato il suo primo caffè macchiato – ma te voi sta’ zitto? Se continui, stonato come sei, er sole se va subito a ripone e ricomincia a piove…”.

“A Ba’, canto perché so’ felice!” rispose l’uomo con un sorriso a sessantaquattro denti.

“E perché sei felice?” lo interrogò Barbara.

“Perché l’inverno sta pe’ finì, perché è arivato er calluccio, perché li fiori cominceno a sboccià e perché l’ucelletti cinguetteno…” fu la risposta dal sapore bucolico.

“…e perché la Juve ha perzo” aggiunse Barbara con tono piuttosto acido. “Tu a me nun me ‘ncanti – riprese – perché te conosco troppo bene…”.

“Beh certo – Antonio spense la macchinetta e si avvicinò alla moglie – nun è che me dispiace più de tanto si la Juve ha perzo cor Bayern de Monaco. Ma la cosa che me fa divertì de più, si devo da esse proprio sincero, è che dopo la partita c’è stato un mezzo piagnisdeo su l’arbitro, pe’ quer golle annullato a Morata. Marotta ha detto che l’Italia in campo europeo nun ad’è tutelata…”.

“E c’ha raggione!” approvò la moglie.

 “A Ba’ – la corresse subito Antonio – Marotta ha sbajato verbo. Nun doveva dì tutelata, ma protetta, favorita, come ad’è sempre successo in Italia, puro prima che arivasse Luciano Moggi. Tutti a ‘nchinasse davanti a la Signora. In Europa ‘nvece, pe’ fortuna ad’è diverzo…”.

“Però quer golle ad’era bbono…” obiettò ancora Barbara.

“E l’arbitro s’è sbajato” replicò subito Antonio. “Pò succede. Anzi, ad’è successo troppe vorte a favore de la Juve, ma li juventini hanno fatto sempre pippa. Anzi, c’hanno sempre messo ‘na bona dose d’arroganza. E pe’ ‘na vorta che j’ha girato storto, da lupi so’ diventati agnelli… Te piace la battuta?”.

“Guarda che nun sei spiritoso pe’ gnente” tagliò corto Barbara. “Anche perché, a proposito de arroganza, ciad’è quarcuno che ‘n po’ de giorni fa ha fatto la battuta der terzo millennio…”.

“E chi ad’è costui?” chiese Antonio incuriosito.

“Ma come?” incalzò la donna. “Tu che sai tutto, tu che leggi tutti li giornali e che stai l’ore attaccato a internette te sei fatto scappà ‘sta chicca?”.

“Pò darzi che nun me la ricordo” disse Antonio che aveva cominciato a lambiccarsi il cervello. “Dimme, dimme ‘n po’…”.

Massimo D'Alema

Massimo D’Alema

“L’omo in questione se chiama Massimo de nome e D’Alema de cognome” sentenziò Barbara.

“Ah, sì. Mo m’aricordo” aggiunse Antonio. “E te pare che me facevo scappà ‘na fregnaccia der genere! Anzi, la madre de tutte le fregnacce, che m’ha fatto scompiscià da le risate. Perché, coreggime se sbajo, ha detto che ‘r Piddì è ‘n mano a ‘n gruppetto de perzone arroganti…”.

“Bravo” chiosò Barbara. “Ha detto proprio così”.

“Sì – riprese Antonio – ma ‘r problema è che l’ha detto proprio lui. Lui che ha sempre penzato de appartenè a un gruppo de perzone de artissimo livello, che nun se pò abbassà pe’ annà a parlà cor vice segretario der partito, perché lo considera ancora ‘n su’ sottoposto. Ha detto bene Claudio Velardi, che tra l’antro è stato capo storico de lo staff de D’Alema a la Presidenza del Consijo ne l’anni Novanta”.

“Perché, c’ha detto Velardi?” chiese allora Barbara.

“Ha detto – riprese Antonio – che questi so’ ancora communisti. E conoscono solo la scola der Pci. Una scola che t’insegna ‘na sola cosa: la gestione der potere”.

“Però, magari quarche raggione D’Alema ce la potrebbe puro avé…” aggiunse Barbara.

“A Ba’ – la interruppe subito Antonio – er caro Massimo s’ad’è scordato li su’ errori passati e oggi nun vede li sua e quelli de li su’ compagni. A proposito de li fondatori der Piddì, che nun sarebbero ascortati, te vojo ricordà ‘na cosa: quanno D’Alema fece dimette Occhetto nun è che poi j’abbia chiesto consijo o j’abbia dato un ruolo de rilievo. Eppuro quer segretario c’aveva avuto er coraggio de trasformà er Pci. Sbajo?”

“No, Antò. Nun sbaij” chiosò ancora Barbara. “Ma allora, qual’ad’è er punto?”

“Er punto – cominciò a spiegare Antonio – è che da quanno è stato eletto segretario der Pd e premier, Renzi è stato er primo obiettivo de la minoranza de le minoranze der partito e de tutta la vecchia classe dirigente, che s’è vista espropriata der potere. Perché ad’era lo stesso potere che dava vita a quella classe dirigente der passato. Ritrovasse in minoranza, senza le leve der potere, ha mannato in tilt er meccanismo. E da allora nun se so’ più dati pace…”.

“Però co’ ‘sta storia de Verdini nun è che Renzi ce fa proprio ‘na bella figura…” aggiunse Barbara.

“A Ba’ – replicò subito Antonio – li romani diceveno che pecunia non olet. E si nun puzzeno li sordi, nun puzzeno manco li voti. Soprattutto si servono a tené in piedi er governo. E poi, puro qui: parla proprio D’Alema? Lui, ner ’98, fece fori er poro Prodi, inzufolando Bertinotti, e annò a governà portannose dietro Clemente Mastella. Mo tu me devi da spiegà: che differenza c’è tra Mastella e Verdini?”.

“Boh” rispose Barbara. “Penzo nessuna”.

“E allora – concluse Antonio – potemo dì che ‘r bue disse cornuto a l’asino. Oppuro, si volemo risuscità er saggio zi’ Giulio Andreotti, potemo dì puro che l’arroganza logora chi non ce l’ha più”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da