03022023Headline:

Il film sul Papa? In sala Conclave…

Venerdì 15 alle 21 la proiezione di “Chiamatemi Francesco” sulla vita di Bergoglio

 

L'assessore Delli Iaconi con il vicario generale don Luigi Fabbri

L’assessore Delli Iaconi con il vicario generale don Luigi Fabbri

Il film dedicato alla vita di Papa Bergoglio, “Chiamatemi Francesco”, sta per sbarcare anche a Viterbo, ma non sarà proiettato in una normale sala cinematografica, bensì in una location suggestiva e perfettamente adatta al tema della pellicola: la sala del Conclave all’interno di Palazzo dei Papi. “Quello del 15 aprile sarà un evento speciale in un luogo speciale. La sala del Conclave, così ricca di storia e di spiritualità, ci è sembrata perfetta per accogliere la proiezione di un film dedicato a Papa Francesco”, sottolinea il vicario generale don Luigi Fabbri durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento, tenutasi ieri mattina nella sede della Diocesi di Viterbo.

“Chiamatemi Francesco” è il racconto del percorso che ha portato Jorge Bergoglio, figlio di una famiglia di immigrati italiani a Buenos Aires, alla guida della Chiesa Cattolica. È un viaggio umano e spirituale durato più di mezzo secolo, sullo sfondo di un paese, l’Argentina, che ha vissuto momenti storici controversi, fino all’elezione al soglio pontificio nel 2013 di colui che diventerà Papa Francesco. Circa 300 i posti a disposizione, a fronte di un biglietto del costo di 5 euro, per assistere alla proiezione nell’affascinante e storica cornice di un edificio che ha ospitato il conclave più lungo della storia ed è stato residenza papale.

Il tutto è reso possibile grazie alla collaborazione tra Comune, Diocesi e Tuscia Film Festival che, in occasione del Giubileo straordinario della misericordia e della Settimana vocazionale diocesana, in programma dall’8 al 17 aprile, hanno deciso di organizzare numerosi eventi per gli abitanti della Tuscia. Oltre alla proiezione di “Chiamatemi Francesco”, infatti, sono molti gli appuntamenti organizzati in questi sette giorni; eventi che culmineranno domenica 17, in occasione della 53esima Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, con la celebrazione eucaristica, non più dalla Basilica della Quercia ma dal Santuario di Santa Rosa, trasmessa in diretta dalle telecamere di Rai Uno: ”Un’occasione importante per far conoscere Viterbo al vastissimo pubblico che seguirà la diretta; una bella pubblicità per la città” commenta il vicario.

La presentazione dell'evento in programma venerdì 15 aprile

La presentazione dell’evento in programma venerdì 15 aprile

Presente alla conferenza stampa anche Mauro Morucci, direttore del Tuscia Film Festival: “’Ringrazio la Diocesi e il comune di Viterbo per aver reso possibile la realizzazione di questa iniziativa. Il luogo in cui il film sarà proiettato è storico e si presta bene ad accogliere una pellicola di così grande spessore. Venerdì 15 avremo con noi anche il regista, Daniele Luchetti, il quale ci spiegherà come è riuscito a creare un film che è in grado di affrontare la storia del Papa con grande lucidità e verità. Sarà presente anche Marco Muller, al quale spetterà il compito di introdurre la serata”.

La proiezione speciale di questo film (in programma alle 21), sarà anche una delle anteprime della tredicesima edizione del Tuscia Film Festival in programma a Viterbo dall’8 al 16 luglio. La direzione del Festival è già al lavoro sul programma, ma intanto ha organizzato due imperdibili eventi dedicati al mondo del cinema. Sabato 16, alle 19 al Magnamagna, sarà la volta di un aperitivo aperto al pubblico per parlare del grande regista Orson Welles e del ruolo della Viterbo medievale nel cinema. Il giorno seguente, invece, alle 10 presso la ex Chiesa S. Maria della Salute, è previsto l’evento ”Viterbo città del mare, passeggiata Orson Welles sul set di Otello”, a cura di Antonello Ricci e Davide Ghaleb Editore. Due iniziative fondamentali per ribadire a gran voce “la notevole vivacità culturale che Viterbo sta mostrando in questi ultimi anni” conclude l’assessore alla Cultura, Antonio Delli Iaconi.

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da