30032023Headline:

Marco e Laura, braccia donate all’agricoltura

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegnoAffacciata alla finestra, con l’immancabile tazza di caffè macchiato nella mano destra e l’altrettanto perenne sigaretta nella sinistra, Barbara osservava il giardino di casa che – ormai ad aprile inoltrato – era in totale fioritura. Ma il suo sguardo pensieroso, che vagava quasi nel vuoto, attirò l’attenzione di Antonio, che nel frattempo era già al lavoro con la risemina di quelle parti di pratino inglese che l’inverno aveva parzialmente rovinato.

“A Ba’ – disse l’uomo a voce alta – stammattina che t’è successo? Che per caso te gira storto?”.

“No, Antò – rispose la donna – nu’ me gira storto manco pe’ gnente. Solo che nun c’ho motivo pe’ esse contenta…”.

“Sbaji, cara Barbara – rintuzzò Antonio – perché all’età nostra avemo da esse ottimisti. Basta che la salute c’assiste, adesso ce potemo godé la vita. La penzione ad’è bona e nun dovemo fa’ più li sacrifici, come ‘na vorta…”.

“Sì, sì, tu dici bene. E ‘nfatti così avrebbe da esse. Ma poi, si leggi li giornali o guardi la televisione te viè subbito er magone…” fu la risposta della moglie.

Antonio non si perse d’animo e replicò: “E tu li giornali nu’ li legge e la televisione nu’ la guardà. Così nun te rosichi ‘r fegato. Io ho smesso da ‘n pezzo. Anzi, da ‘n po’ de tempo a ‘sta parte leggo solo lo sporte, che quello me tira su ‘r morale…”.

“E certo – ribatté Barbara – a te ormai te ‘nteressa solo si a Totti je faranno o no er contratto novo…”.

“Brava” commentò Antonio con voce intrisa di soddisfazione. “Hai visto c’ha combinato l’antra sera? E’ entrato a quattro minuti da la fine e ha fatto du’ golle, ribbartando er risultato. Oh, n’hanno parlato li giornali de tutto ‘r monno. A Ba’: Dio esiste, abbita a Roma e se chiama Francesco…”.

“E piantala de fa ‘r cretino, Antò!” obiettò la donna. “E cerca de penzà puro a le cose serie. E si ad’è vero che noi ormai nun c’avemo più tanti probblemi, pe’ li fiji è ‘n po’ diverzo. Hai sentito c’ha detto l’antro giorno Tito Boeri, er presidente dell’Inpese?”.

“No, sur Coriere de lo Sport nun c’adera scritto gnente…” fu la risposta di Antonio.

“E tu continua a fa’ lo scimunito!” replicò Barbara con voce stentorea.

“Vabbè – chiese a quel punto Antonio – c’ha detto ‘sto Boeri?”.

“Ha detto che quelli nati ne l’anni ottanta avranno da lavorà armeno fino a settantacinqu’anni e che c’avranno ‘na penzione da miseria…” sentenziò Barbara. “E io penzo a Coradino e Mariolina: come se troveranno da vecchi?”.

“Beh – riprese Antonio – loro ‘no straccio de lavoro ce l’hanno. Piuttosto er vero probblema, si avemo da essere realisti, riguarda Michelino. Che, ortretutto, nun è che c’ha tanta voja de studià…”.

“E’ vero – confermò Barbara – ma io me chiedo puro: ar giorno d’oggi studià quanto conta? E che te garantisce?”.

“Gnente, Ba’” fu la risposta di Antonio. “Perché ‘r monno ad’è cambiato. Io m’aricordo che mi’ padre me diceva sempre: studia fijo mio, che sinnò quanno sarai grande te morirai de fame! Oggi invece, rischi de rimanè a casa de li genitori puro doppo la laurea…”.

“Vabbé, ma allora li giovani che avrebbero da fa’?” incalzò Barbara.

“Er lavoro se l’hanno da inventà, facendo funzionà le rotelle der cervello” sentenziò Antonio.

“Mica è facile…” obiettò la donna.

Marco e Laura

Marco e Laura

“No, nun è facile – proseguì Antonio – ma ce se pò riuscì. Pija, presempio, quello c’ha fatto Marco…”.

“Marco… e chi ad’è?” chiese Barbara incuriosita.

“Marco – rintuzzò Antonio – quello che abbita ner palazzo ‘ndo sta mi’ madre…”.

“Embé, c’ha fatto?” fu la nuova domanda di Barbara.

“Ha fatto ‘na scerta coraggiosa: da giornalista a agricoltore” sentenziò Antonio.

“Antò, spiegheme mejo…” disse Barbara incuriosita da quell’affermazione.

“Allora – riprese Antonio – mo te spiego per bene. Marco pe’ diverzi anni ha fatto er collaboratore ne la redazzione de Viterbo der Messaggero. Faceva er giornalista, scriveva l’articoli e ad’era puro bravo. Ma lo pagaveno quattro sordi…”.

“Figurete!” interruppe Barbara. “Lo sai chi ad’è l’editore der Massaggero? Cartagirone, ‘na bella radica…”.

“Sì, Ba’ – proseguì Antonio – ma nun penzà che dall’antre parti sia mejo. Ar giorno d’oggi quelli che scrivono pe’ li giornali e nun c’hanno er contratto a tempo indeterminato – che ormai è diventato un miraggio – so’ tutti sfruttati. Comunque sia Marco, visto che d’assunzione, dopo tanti anni, nun se ne parlava, ha deciso de cambià strada e de mettese a fa’ l’imprenditore agricolo”.

“E come jè venuta ‘st’idea?” chiese la donna.

“L’amore, Ba’. L’amore” rispose il marito.

“Cioè? Spieghete mejo, Antò” incalzò Barbara.

“Te spiego, te spiego” proseguì Antonio. “Allora hai da sapè che Marco a un certo punto s’è fidanzato co’ Laura, ‘na ragazza de Montefiascone che la famija c’ha ‘n’azienda agricola. Ma ‘st’azienda rischiava de chiude perché la vecchiaia prima o poi ariva pe’ tutti. E così ‘sti du’ ragazzi hanno deciso de rilevalla e de mettese a lavorà ner settore”.

“Che bravi!” commentò Barbara. “E mo so’ contenti?”.

“Penzo de sì – replicò Antonio – perché c’hanno parecchie idee in testa. L’azienda adesso è de vecchio stampo, ma loro la vonno modernizzà, la vonno rende 2.0, sia lavorando co’ le nove tecnologgie, sia sur piano de la comunicazzione”.

“E a Marco er giornalismo nu’ je manca?” chiese ancora Barbara.

“Ma lui – rispose Antonio – ha detto che vo’ continuà a scrive. Però intanto se sta a costruì un futuro, visto che ha detto puro che a agosto se sposerà. E poi, voi mette: la vita all’aria aperta in mezzo a la natura de ‘sti tempi nun ad’è proprio da buttà via”.

“C’hai raggione, Antò” fu la conclusione di Barbara. “Quelle de Marco e Laura me sembreno proprio braccia donate all’agricoltura”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da