03022023Headline:

Un nuovo riso? Purché non sia scotto

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Ma cos’è questo sorriso? Hai cucinato un nuovo riso!”. Intento nell’ennesima riparazione domestica (una plafoniera che non ne voleva più sapere di funzionare) Antonio declamava a ripetizione, piuttosto divertito, il copione di uno spot pubblicitario televisivo, mandato in onda a raffica un po’ da tutte le emittenti, tanto da suscitare la curiosità della moglie.

“Antò – disse la donna – vedo che stamattina te gira bene. Te sei messo puro a fa’ ‘r verso a la pubblicità de la televisione…”.

“Me girerebbe mejo se trovassi er guasto” replicò l’uomo. “Ma intanto penzavo a quanto so’ subdole certe pubblicità, piene de doppi senzi o de allusioni che vanno sempre a finì lì: ar sesso. Come quella der riso, appunto…”.

“Ma che voi dì?” replicò Barbara. “Quella l’ho vista puro io. Centinaia de vorte. E nun c’ho trovato gnente de strano… Nun sarà che sei tu a esse troppo malizzioso…”.

“Ah, sì? Guarda che io sarò puro malizzioso – riprese Antonio – ma nun so’ scemo. E allora, su quello spotte, basta che tu guardi l’espressioni de le du’ donne: quella che fa la battuta e quella che nun j’arisponne, ma sbatte l’occhi come ‘na gatta. Nun solo: c’è puro er tono de la voce che fa penzà, perché sembra riferisse a quarcosa che nun s’ha da sapè, a quarcosa de segreto e puro de sconveniente…”.

“Mah, io tutte ‘ste cose nun ce le vedo…” fu la risposta di Barbara.

Antonio smise di armeggiare intorno alla plafoniera. “Allora – disse con tono deciso – mo te fo ‘n esempio: te cambio le parole de la battuta e lascio tutto ‘r resto com’ad’è: sorrisetti e sbattute d’occhi. Se quella dicesse: ‘Ma cos’è questo sorriso? Hai trombato il capufficio!’ lo spotte sarebbe più veritiero. Magari er riso je l’avrà fatto magnà prima…”.

riso-scotti

La pubblicità del riso

“Mah. Io continuo a penzà – intervenne Barbara – che tu sei troppo malizzioso. E poi, ce lo sai che la pubblicità è fatta pe’ venne e deve attirà l’attenzione de la gente. E l’attenzione tua l’ha attirata. Quindi vor dì che ad’è fatto bene. Del resto lo sai che la pubblicità ad’è l’anima der commercio…”.

“Questo ce lo so” rispose Antonio. “Tant’è vero che puro a palazzo de li Priori gongoleno perché so’ aumentate le presenze de li turisti a Viterbo e loro dicheno…”.

“Loro chi, Antò?” interruppe Barbara.   

“Loro, li politici. Er sindaco e l’assessori” precisò Antonio. “Loro dicheno che dipenne da la promozzione che è stata fatta su Viterbo…”.

“Beh, ce potrebbe sta” commentò la donna.

“Sì, sì – riprese Antonio – quarche cosa ad’è stato fatto. Presempio, portà la Machina de Santa Rosa a l’Expo de Milano  quarche curiosità l’avrà puro destata, visto che fino a l’antro ieri, passata Vetralla, se la filavano in pochi. Come puro certe iniziative che so’ state prese sempre all’Expo de Milano o ar Parlamento Europeo”.

“Io ho letto che a Pasqua e a Pasquetta c’è stato er tutto esaurito” aggiunse Barbara.

“E’ vero, ma nun c’è da cantà vittoria. E mo te spiego perché” sentenziò Antonio.

“Vabbè, spiegheme” lo sollecitò Barbara.

“Allora – attaccò l’uomo – intanto c’è da tené presente che ad’è aumentato er turismo nazzionale. Magari perché ce so’ ancora pochi sordi in giro, oppuro perché la gente c’ha paura de li terroristi. Poi va detto che ne la Tuscia er botto de gente mica l’ha fatto Viterbo… L’hanno fatto Civita de Bagnoreggio, Caprarola e puro Castjone in Teverina, dove hanno fatto er Tuscia in jazz, che l’antr’anno s’era fatto proprio a Viterbo”.

“E’ vero, Antò. C’hai raggione” approvò la donna. “Ma lì c’è stata ‘na questione de buffi. Er Comune che s’è scordato de pagà, sicché er direttore der fastival s’è ‘ncazzato e ad’è annato da ‘n’antra parte…”.

Turisti al museo Colle del duomo e in cattedrale

Turisti al museo Colle del duomo e in cattedrale

“Sì – rintuzzò subito Antonio – ma ne ‘sto modo Viterbo ha perzo ‘n’occasione d’oro, perché a Castijone er festival è annato a la grandissima. E Italo Leali, er direttore artistico der Tuscia in jazz, ha detto chiaro e tonno che lui a Viterbo nun ce metterà più piede, perché nun vo’ pijà antre sòle…”.

“Che peccato…” commentò Barbara.

“Questa ad’è ‘na cosa – riprese Antonio – ma c’è puro de l’antro. Si tu voi fa diventà veramente Viterbo ‘na città turistica, hai da comincià da le cose basilari: la pulizzia de la città, li servizi igienici, l’orari de l’uffici turistici pe’ quello che riguarda er Comune. E poi, puro li privati hanno da fa’ la parte loro, anche se a Pasqua e a Pasquetta parecchi barre e ristoranti so’ rimasti aperti”.

“E allora mo ‘na cosa – intervenne Barbara con voce squillante – te ce l’aggiungo io: le terme. Ancora stamo a carissmo amico…”.

“Fortuna – riprese Antonio – che c’è la Viterbese. Dopo anni de Purgatorio, sembra che quest’anno sia quello bono pe’ tornà in Lega Pro. E questo – toccamo ferro perché ancora nun ad’è sicuro – vorrebbe dì più tifosi de le squadre avversarie che la domenica arriverebbero a Viterbo…”.

“Ma qui er merito – obiettò Barbara – è de ‘n omo solo: er comandante Camilli…”.

“Sì, ma pò aiutà” ribatté Antonio. “Per il resto – continuò l’uomo – tornamo ar discorso de sempre: la città turistica è ancora da costruì”.

“Intanto amo fatto ‘n po’ de pubblicità. Che comunque nun guasta…” aggiunse Barbara.

“Sì, vabbé” concluse Antonio. “Io te posso puro dì: ‘Ma cos’è questo sorriso? Hai cucinato un nuovo riso’. Ma si poi er riso è scotto e c’ha le corna, io lo vo a magnà da ‘n’antra parte…”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da