03022023Headline:

Ma i sindaci sono tutti delinquenti?

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegnoCon l’immancabile tazzina del caffè macchiato in mano, Barbara stava sfogliando il solito quotidiano che annunciava i candidati del suo Comune alle ormai imminenti elezioni amministrative, tutta immersa nella lettura dei vari profili di coloro che s’erano proposti alla carica di sindaco.

A un certo punto alzò lo sguardo dalla carta stampata e fissò il marito, che proprio in quel momento stava entrando in cucina. “Antò – chiese – pe’ chi votamo?”.

L’uomo non rispose subito. Si mise seduto e, porgendo la tazzina vuota alla moglie, le ordinò: “Tu nu’ me poi fa ‘ste domande de prima mattina, quanno so’ ancora rincojonito dar sonno. Prima famme ‘n ber caffè e poi ne parlamo”.

“Vabbé, vabbé – approvò la donna – er caffè te lo fo subbito, ma l’elezzioni ce so’ tra tre settimane e toccherà comincià a penzacce a chi da ‘r voto. Io sto a vedé chi core, ma parecchi nu’ li conosco. Bisogna che me dai ‘na mano, perché si sbajamo poi le conseguenze le pagamo noi…”.

“Ah, questo ad’è vero – ribatté subito Antonio – anche se parecchia gente ‘sta cosa nu’ la capisce o nun ce penza. E allora magari dà ‘r voto a quarche amico, o a quarche parente, o a quarcuno che je pò fa’ ‘n favore. E doppo ce ritrovamo tutti ne la cacca, come ad’è successo già tante vorte…”.

“Apposta me serve che me dai ‘n consijo…” insistette Barbara.

“Prima me devo da documentà bene – disse ancora Antonio – ma ‘r voto tocca dallo a chi c’ha du’ qualità: onestà e competenza. Che ar giorno d’oggi so’ diventate merce rara…”.

“Bravo. Puro io la penzo così – approvò Barbara – perché oggi basta che accenni la televisione e senti dì de quarche sindaco arestato o indagato pe’ quarche ‘mpiccio c’ha fatto ner su’ Comune. Nun se ne pole più de sentì ‘sta robba…”.

“E’ vero – rintuzzò Antonio – anche perché poi parte subbito la polemica politica. E allora l’avversari de quello indagato chiedeno subbito le dimissioni; e quell’antri dicheno che tocca aspettà la fine de l’indaggini; e ‘sta tiritera va avanti pe’ giorni e giorni, cosicché a la gente je vié la nausea de la politica e penza che ‘r più pulito c’ha la rogna…”.

“Perché, nun ad’è proprio così?” chiese Barbara.

“Si me permetti – rispose Antonio – quarche dubbio ce l’ho. E penzo puro che quarche maggistrato stia ‘n po’ esageranno… ”.

“Antò, ma che dici!!!” obiettò subito Barbara. “Me sembri er Berlusca a li su tempi mijori!!!”.

“Lassa perde Berlusconi. Mica penzerai che oggi li sindaci so’ diventati tutti delinquenti?” fu la conclusione salomonica di Antonio.

“No, però…” osservò Barbara, che rimase con la frase a metà.

“Guarda che l’esempio più classico che ‘r male sta ner sistema so’ l’urtimi du’ avvisi de garanzia, che hanno cragnolato du’ sindaci grillini: Filippo Nogarin, quello de Livorno, e Federico Pizzarotti, quello de Parma” fu la replica di Antonio. “Mo, tu sai – aggiunse l’uomo – quello che penzo io der Movimento 5 Stelle. Ma so’ sicuro che quei due nun hanno rubbato gnente. So’ rimasti invischiati ne le pastoie burocratiche de le leggi italiane, che so’ come la pelle de li zibidei, probabirmente pe’ superficialità, o puro pe’ incapacità. Ma da qui a dì che so’ delinquenti ce ne core…”.

“Oggi annamo proprio bene!” commentò Barbara. “Mo te metti a difenne puro li grillini…”.

“No, Ba’” replicò Antonio. “Anzi, te devo da dì che pe’ li grillini so’ contento. Perché così la smetteranno de fa li duri e puri verzo l’avversari politici, dicenno che solo loro so’ immacolati. Lo so’ stati finché staveno all’opposizione. Ma mo che hanno cominciato a governà in quarche città, hanno visto che pure loro se so’ dovuti sporcà le mani. E spero che tutti ‘sti casini servano armeno a faje abbassà ‘n po’ la cresta…”.

“Antò, nun ce sto a capì più gnente” osservò Barbara. “Ma allora andò sta er problema?”.

“Te l’ho detto: ner sistema” rispose Antonio. “Vedi, co’ l’elezzione diretta da parte de li cittadini er sindaco de ‘na città avrebbe da avé ‘r potere de decide le cose come mejo crede e de nominà ne li posti de responsabbilità gente de cui lui se fida. Poi, dopo cinqu’anni, la gente lo giudica: se ha fatto bene lo rivota e sinnò lo manna a casa”.

“E nun ad’è così?” chiese Barbara stupita.

“No – incalzò Antonio – perché ce so’ mille cavilli, regole e regolette. E pe’ ‘n sindaco beccasse ‘n avviso de garanzia pe’ abbuso d’uffico è la cosa più facile der monno”.

“Insomma – commentò la donna – da quello che dici tu nun c’è soluzione…”.

“Pare proprio de no” rispose Antonio. “Tant’è vero che ‘n par de giorni fa un gruppo de sindaci ha scritto ‘na lettera in cui dicheno quant’è difficile amministrà in un momento in cui er ruolo der primo cittadino è messo a dura prova, puro da li magistrati”.

“E che dicheno ‘sti sindaci?” chiese Barbara.

“Dicheno – rispose Antonio – che amministrà le città ad’è diventato ‘n compito gravoso. Nun solo pe’ le risorse finanziarie che so’ sempre de meno, ma soprattutto perché a la responsabilità affidata ar sindaco co’ l’elezzione diretta nun segue un’autonomia politica vera, ‘na capacità de azzione, la possibilità de avé risorse umane adeguate e quella de dà risposte a le domande de li cittadini in un quadro de regole certe”.

“E che chiedono?” incalzò ancora Barbara.

“Gnente de particolare” disse ancora Antonio. “Ma se rivorgono ar Presidente de la Repubblica, ar Parlamento, ar Governo, a la Magistratura, dicendo de considerà che la reputazzione de li sindaci, la loro capacità de governà, er rispetto pe’ ‘sto ruolo, so’ un bene prezzioso che va salvaguardato nell’interesse der bon funzionamento de la democrazia”.

“Belle parole, Antò” commentò Barbara. “Però c’ho ‘n’urtima domanda da fatte: se fa’ er sindaco ad’è così difficile e pericoloso, perché, quanno ce so’ l’elezzioni, spunteno sempre ‘na marea de candidati e tutti lotteno fino a la morte pe’ esse eletti?”.

Antonio sorrise sotto i baffi. Poi aprì bocca: “Misteri de la politica, cara Barbara!”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da