22052024Headline:

Scusi: ma il Sintrom che fine ha fatto?

La ditta produttrice vende il brevetto e la nuova non comincia in tempo a farlo

Sintrom, l'introvabile

Sintrom, l’introvabile

Pian piano l’allarme sta rientrando, a quanto pare. Resta però il fatto che episodi di questo genere non possono capitare. Non è assolutamente ammissibile che succedano di nuovo.
Dunque. Partiamo dal principio. Esistono al mondo medicinali che rientrano nella categoria dei “salvavita”. Non occorre dare molte spiegazioni a riguardo, il nome parla da solo. Se non si prendono, logico, la vita è in pericolo. Le persone che quindi sono costrette ad utilizzarli, di norma, tendono a fare un po’ di scorta in casa. Della serie: una scatola in più, che non si sa mai.
Tra questi farmaci ci sta anche il Sintrom. Utilizzato per scoagulare il sangue e prevenire le trombosi. Insomma, non un giocattolo, e manco un Moment.
Alla fine di marzo, improvvisamente, il Sintrom ha cominciato a mancare dai banchi delle farmacie nazionali. Una carenza improvvisa che nessuno sapeva spiegarsi. I titolari delle farmacie stesse non erano a conoscenza del disagio. I pazienti neppure, erano stati avvisati. E solo parecchi giorni dopo l’Aifa (Associazione italiana del farmaco) è venuta a sapere le motivazioni del caos.
In sostanza la Novartis, ditta produttrice, ha venduto il brevetto a una nuova azienda del Lussemburgo. Tutto normale, cose che succedono. In questa fase di passaggio però la produzione non è stata garantita. La prassi di solito vede la vecchia proprietà affiancare la nuova: mentre io dismetto, tu cominci a produrre. In modo tale che le persone restano coperte. Ed invece stavolta le due azioni non si sono sovrapposte. Per la disperazione di tantissima gente.
Tanto per rendere un po’ la portata del problema, nella sola Lodi (così recita un quotidiano di zona) 1800 pazienti sono rimasti a bocca asciutta. Non sappiamo come vanno di preciso le cose nel viterbese, quali sono i dati effettivi, ma anche si trattasse di una sola persona (impossibile) sarebbe comunque assurdo.
Ma torniamo alla cronistoria. L’Aifa, scoperto il fattaccio, per far fronte alla disastrosa situazione, da un lato ha autorizzato l’importazione di limitate quantità alle singole Aziende sanitarie che ne avevano fatto richiesta, dall’altro ha sollecitato l’interessamento della ditta titolare per reperire all’estero un più consistente quantitativo di confezioni. La carenza però si è fatta sentire lo stesso. Ed in molti, rischiando sulla propria pelle, si sono dovuti organizzare.

Salvavita e introvabili, due drammi nello Stivale

Salvavita e introvabili, due drammi nello Stivale

La soluzione è stata quella di passare ad un nuovo farmaco, il Coumadin (unica alternativa sul pianeta). Trattandosi però di un salto delicato, si è dovuti andare incontro a diverse controindicazioni. Questo tipo di anticoagulanti infatti prevede un dosaggio, che va calibrato. E per calibrarlo tocca di frequentare un laboratorio d’analisi anche tre volte la settimana. Per non parlare poi dei rischi che si corrono (di perdere la vita) compiendo il passo.
Come si diceva in apertura, da qualche giorno il Sintrom sta tornando sul mercato. Il peggio dovrebbe essere passato. Anche se attualmente gira a livello di Asl. In un meccanismo complesso che lo rivedrà su tutti i banchi con regolarità tra un bel po’. La sensazione invece di sentirsi un numero, una cavia, un impotente nelle mani delle multinazionali, durerà ancora a lungo.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da