23052024Headline:

Pd, ovvero: partito demenziale

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegno“Vado al Massimo! Vado al Massimoooo!!!”. Indaffarato a preparare le valigie, vista l’imminente partenza per le vacanze, Antonio cantava a squarciagola, destando l’attenzione di Barbara, che non mancò di apostrofarlo aspramente, infastidita da quegli urlacci che mettevano a serio repentaglio l’integrità dei suoi timpani.

“Antò – disse la donna – e statte ‘n po’ zitto! Smettela che me stai a rintronà! Nun ne posso più de sentì ‘sta lagna. E poi, sei stonato come ‘na campana!”.

“Nun fa gnente, Ba’. Nun fa gnente, si so’ stonato. Questo ce lo so da solo – replicò l’uomo – ma questa ad’è la canzona der giorno e tocca cantalla a tutto spiano: vado al Massimoooo!!!”.

“E basta!” sbottò Barbara, piuttosto spazientita. “E poi me dovresti da spiegà perché ad’è la canzona der giorno: che oggi per caso ad’è ‘r compleanno de Vasco Rossi?”.

“No, no” sottolineò Antonio. “Er compleanno de Vasco Rossi nun c’entra gnente. ‘Sta canzona è dedicata ar più grande str… No, nu’ lo posso dì. Ar più grande sciocchino (così ad’è mejo) de la sinistra italiana: Massimo D’Alema”.

“Oddio, Antò – commentò Barbara – a me me piaceva tanto! T’aricordi quell’anno a Bologna, quanno annammo a la Festa nazzionale de l’Unità e je corsi dietro pe’ famme fa’ l’autografo? T’aricordi?”.

“Sì che m’aricordo – rispose Antonio – ma m’aricordo puro che stavamo ne l’anni ’90 e che lui ad’era er segretario de li Diesse. Mo ad’è passato ‘n secolo da quer giorno, le cose so’ cambiate, ad’è tutta ‘n’antra musica. Ma lui nun ha mai smesso de fa lo str… – scusa – lo sciocchino e l’urtima c’ha combinato è proprio grossa…”.

“Perché? C’ha combinato?” chiese a quel punto Barbara incuriosita.

“Bastava legge lo scuppe de Repubblica pe’ sapello” sentenziò Antonio. “Secondo er giornale lui avrebbe detto a l’amici sua che a l’elezzioni de Roma nun vota Giachetti, ma Virginia Raggi, quella de li grillini. E ha detto puro che pe’ mannà a casa Matteo Renzi sarebbe disposto a votà puro Lucifero…”.

“Antò, lo sai – commentò Barbara – che Renzi a D’Alema je sta proprio su le palle…”.

Massimo D'Alema

Massimo D’Alema

“Mica solo a lui” aggiunse Antonio. “Renzi, che – nun te lo scordà mai – ha trasformato finarmente er Piddì e tutto ‘r centrosinistra in un partito vincente, sta su le palle a tutti l’ex trinariciuti solo perché j’ha levato er potere da sotto ‘r naso. J’ha levato la sedia da sotto er tavolino de la spartizzione politica, j’ha detto che nun c’è più trippa pe’ gatti. E quelli so’ ‘ncazzati come berve. Pe’ loro ad’è diventato er nemico numero uno, quello che tocca ammazzà a tutti li costi, pe’ ricomincià a pijasse quelle quattro molichelle che c’ereno prima…”.

“Antò, ma che dici!” obiettò Barbara. “Nun pò esse proprio così…”.

“Ah no???” si infervorò Antonio. “Allora me spieghi perché D’Alema, ortre a dì de ‘nguattone, ma nun troppo, che voterà pe’ la Raggi sta puro a preparà li comitati pe’ votà no ar referendum de ottobre pe’ potè mannà a l’aria la riforma costituzzionale?”.

“Nu’ lo so, Antò” fu la risposta di Barbara. “Perché lo fa?”.

“Te lo spiego subbito” aggiunse Antonio. “Si ar referendum vincesse er no, zompa la riforma costituzzionale e zompa puro la nova legge elettorale, dove chi vince governa senza dovesse alleà co’ quarcun antro. Insomma, senza tante rotture de cojoni de quelli che te ricatteno perché magari c’hanno tre voti, ma se nu’ li stai a sentì te fanno cascà er governo. E allora, vista la situazzione che c’è in Italia, se dovrebbe tornà pe’ forza a le larghe intese, cioè a l’inciuci, dove ‘na molichella de pane nun se nega a nessuno…”.

“Ho capito, Antò” commentò Barbara. “Tanto peggio, tanto mejo…”.

“Brava!” approvò Antonio. “Vedo che hai capito. Ma così nun se va da nessuna parte. L’Italia nun riuscirà mai a tirà su la capoccia. Voi ‘n esempio? Guarda quello che ad’è successo ne ‘st’urtimi mesi ar Comune de Viterbo. Te l’aricordi li magnifici sette?”.

“Certo che me l’aricordo” confermò Barbara. “Erano quelli consijeri der Piddì che a dicembre sembrava che volessero fa’ foco e fiamme contro ‘r sindaco Michelini e che pe’ du mesi hanno puro provato a mannallo a casa. Com’ad’è finita?”.

“E come voi che finiva, Antò…” replicò la donna.

“Appunto” confermò Antonio. “ E mo se so’ puro beccati Maurizio Tofani come assessore. E hanno dovuto fa’ pippa…”.

“Antò, lo sai che te dico?” aggiunse Barbara. “A me ‘sto Piddì me sembra proprio ‘n partito demenziale, come quer marito che, pe fa’ dispetto a la moje, se tajò ‘r giocattolino…”.

“Nun te posso dà torto” sentenziò Antonio. “E a ‘sto punto, pe’ nun sapé né legge e né scrive, noi se n’annamo ‘n vacanza e tutte ‘ste beghe le lassamo a l’antri. E guarda che c’ho ‘ntenzione de fa’ ‘na vacanza lunga…”.

“E a li nostri lettori che je dimo?” chiese Barbara.

“Che noi se n’annamo – rispose Antonio – e che quanno tornamo speramo de trovà ‘n’Italia ‘n po’ diverza…”.

“Nun ce sperà…” fu la conclusione de Barbara.

“No, Ba’ io ce spero – rintuzzò Antonio – perché, come dicevano l’antichi romani, spes ultima dea. E io spero che l’italiani siano meno scemi de D’Alema. Vado al Massimoooo!!!!”.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da