23052024Headline:

Sugli 80 euro la carica degli avvoltoi

Dialoghi nostrani, registrati in famiglia, su fatti e misfatti del capoluogo e dintorni

avventure disegnoQuella mattina Antonio e Barbara erano usciti di casa di buon’ora e avevano preso l’auto per andare in centro: in programma c’erano un bel po’ di giri da fare per sbrigare commissioni varie e soprattutto un’incursione al supermercato per rifornire la dispensa, che ormai era agli sgoccioli.

“Antò, fermate qui – disse a un certo punto Barbara – che devo d’annà in farmacia a comprà ‘na cosa”.

“E ndò me fermo – rispose l’uomo – che nun c’ad’è ‘no straccio de posto pe’ parcheggià…”.

“E mettete ‘n attimo lì, in doppia fila – incalzò la donna – tanto ce metto cinque minuti. E poi, guarda quante machine ce stanno messe come je pare. Una più, una meno…”.

“Sì, brava – replicò Antonio – famo tutti come ce pare. E poi, si l’Italia è ‘n bordello, chi se ne frega. No, Ba’: in doppia fila nun me ce metto, perché le regole vanno rispettate. Sempre. Anche ne le piccole cose”.

“E vabbé – rintuzzò Barbara – che sarà mai si te fermi lì cinque minuti…”.

“Nun è gnente, ma è ‘na questione de principio, anzi de civirtà” sentenziò Antonio. “Penza che l’antro giorno ho visto un video su Youtube: in Australia, su ‘na strada sei corsie, ariva ‘na machina e se ferma ar semaforo rosso. Poi n’ariva ‘n’antra, su la stessa corsia, e je se ferma dietro, puro se quell’antre e cinque corsie so’ tutte vote. Hai capito Ba’ che vor dì esse civili?”.

“A me me sembra ‘n’esagerazzione…” commentò la donna.

“No. Ad’è er rispetto de le regole. In tutti li campi. Che ad’è ‘na condizzione essenziale – continuò Antonio con rinnovato fervore – pe’ vive in maniera civile, sapendo che la libertà mia finisce andò comincia quella de quell’antro. Invece in Italia, come se dice, fatta la legge, trovato l’inganno…”.

“Vabbé Antò – disse a quel punto Barbara per concludere il discorso – se la penzi così annamo via. In farmacia ce anderò ‘n antro giorno. Però l’Italia è ‘r Paese dove ‘r Governo te dà puro le fregature. Ieri ho sentito ‘n televisione la storia de l’80 euro, quelli che Renzi aveva dato a tutti quelli che guadagneno poco. Un sacco de gente mo li deve da restituì. Te sembra giusto?”.

Antonio scattò come una molla. “Ah sì? Allora, ‘ntanto che me fo ‘n antro giro pe’ vedè si se libbera ‘n posto, te dico che questa è la più grossa mignottata che stanno a fa’ l’opposizioni, che se so’ fiondate come avvoltoi pe’ strumentalizzà ‘na cosa che ad’era chiara come ‘r sole. Solo che stamo ‘n campagna elettorale e pe’ dà ‘n culo a Renzi tutto ad’è bono, puro stravolge la realtà de li fatti…”.

“Antò, guarda che nun ad’è così. Un sacco de gente li sordi li deve da restituì…” obiettò Barbara.

“Le regole, Ba’, le regole hanno da esse rispettate” fu il commento di Antonio. “Solo che la gente è distratta, nun se ‘nforma bene. E quarcuno (anzi più de quarcuno) ce prova puro, perché l’Italia è sempre ‘r Paese de li furbetti. E quanno r’ Governo je dice che le regole tocca rispettalle, se fanno rode ‘r culo e strilleno. E li partiti de l’opposizzioni nun vedono l’ora de sonà la grancassa…”.

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi

“Antò, scusa ma nun ho capito…” replicò Barbara.

“Allora mo – continuò Antonio – te spiego tutto io. Ner 2014 er Governo Renzi approvò ‘n decreto che dava un bonus fiscale de 80 euro ar mese a chi guadagnava da 8 mila a 26 mila euro all’anno…”.

“E quelli che pijaveno de meno so’ rimasti fori…” obiettò subito Barbara.

“Quelli pe guadagneno meno de 8 mila euro all’anno – chiarì Antonio – le tasse nu’ le pagheno. So’ esenti. E allora ad’è chiaro che ‘r bonus lo Stato nu’ je lo pò dà. Perché, cara Barbara, er bonus vor dì che io te scalo un totte da quello che tu devi da pagà. Ma se tu nun devi pagà gnente…”.

“Ah, vabbè” ammise Barbara. “E quell’antri?”.

“Quell’antri (e so’ la maggioranza) so’ quelli che hanno sforato ‘r tetto de li 26 mila euro. E qui, cara Barbara, c’è da fa’ un raggionamento. Perché parecchi avranno sbajato pe’ distrazzione, ma secondo me c’è puro chi c’ha provato. E j’è annata male”.

“E come hanno fatto?” chiese a quel punto Barbara.

“Mo te lo spiego” sentenziò Antonio mentre continua a gironzolare con l’auto alla ricerca di un parcheggio. “Allora, si tu c’hai un lavoro che te fa guadagnà 24 mila euro all’anno, l’azienda te applica ‘r bonus fiscale. Cioè te dà l’80 euro ar mese, perché secondo l’azienda tu ce n’hai diritto. Ma se tu poi sei proprietario de du’ case che te frutteno tremila euro all’anno, ecco che ‘r tu’ reddito va a finì a 27 mila euro. E allora ar bonus nun c’hai più diritto. E si l’hai preso, lo devi da restituì a lo Stato…”.

“Ah, io questo nu’ lo sapevo…” commentò Barbara.

“Perché sei distratta – incalzò Antonio – e nun te ‘nformi come sarebbe er tu’ dovere de fa’. Er decreto der Governo era chiarissimo: 26 mila euro era er limite der reddito complessivo. Allora, si tu ortre ar lavoro c’hai antre entrate, hai da fa’ l’addizione. Perché, come diceva er poro Totò, è la somma che fa ‘r totale. Ma in tanti ‘sto raggionamento nun l’hanno fatto. E ‘nvece de avvertì l’azienda, hanno fatto pippa. Quarcuno perché se n’è strafregato de annasse a ‘nformà su come staveno le cose, e quarcun antro perché sperava de fregà lo Stato…”.

“Antò, mo ho capito tutto” ammise Barbara. “Però, levà li sordi a chi ha guadagnato meno de 8 mila euro l’anno me sembra lo stesso ‘na cattiveria…”.

“Beh, su questo so’ d’accordo co’ te” confermò Antonio. “Ma tu lo sai che la coperta der Governo ad’è sempre corta. Presempio, se ce fosse stata più disponibbilità, sarebbe stato giusto dà quarche cosa puro a li penzionati, che invece so’ rimasti fori. Però l’antra sera Renzi ‘n televisione ha fatto capì che a quelli che so’ sotto la soja de l’otto mila euro er bonus je lo lascia: so’ ducentomila…”.

“Beh, si lo fa, fa proprio bene…” sentenziò Barbara. Che poi riprese: “Guarda, Antò. Lì s’ad’è libberato ‘n posto. Mo te poi fermà, così vo ‘n farmacia. A proposito: pe’ comprà quello che me serve ce vonno 80 euro…”.

Antonio bloccò l’auto e alzò le mani dal volante: Ahooo!!! E io mica me chiamo Matteo Renzi!!!!”

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da