17042024Headline:

Siamo al colmo, addirittura due incidenti al giorno sulla Cimina

E' urgente che si provveda sistemare la viabilità della Tuscia

di Andrea Stefano Marini Balestra

Viterbo,19.3.23

Il presidente della Regione Rocca nel corso del suo discorso il giorno dell’apertura della XII legislatura, ha parlato della Tuscia, ha promesso avere come massimo interesse regionale il completamento della Superstrada e l’aggiornamento della Ferrovia Roma-Viterbo, ma ha colpevolmente dimenticato la conclusione della Cassia bis da Monterosi a Viterbo.

Pertanto, oggi, come da millenni, per giungere a Viterbo da Roma e viceversa si deve percorrere la SP Cimina perchè ormai da evitare la “classica” Cassia divenuta pratica arteria urbana a Sutri, Capranica e Vetralla.

La SP n.1 Cimina, che si origina da Viterbo fuori porta Romana e termina all’incrocio con la Nepesina, è una strada di montagna per almeno 20 kilometri (tra Ronciglione Viterbo), poi, diventata di pianura, diventa veloce, ma pericolosa per un’infinità di incroci a raso.

Ieri, 18 marzo sabato, addirittura due incidenti nello stesso punto, cioè all’incrocio con la Sutrina.

Stesso incidente: urto frontale, conseguenza: tanti feriti, traffico in difficoltà proseguire nei due sensi.

Signori cittadini, è l’ora di svegliarsi dal sonno che li avvolge ogniqualvolta si tratti di sollecitare ai politici l’adeguamento della viabilità.

Come ci movimenta per reclamare “diritti” anche fantasiosi, solo ideologici, altrettanto vigore va usato per dimostrare anche rumorosamente che sia necessario costruire nuove strade per la sicurezza di tutti

E’ ovvio, purtroppo, che la tratta Roma-Viterbo, praticata su viabilità rimasta ferma da secoli, non possa avere le caratteristiche di sicurezza di una moderna arteria.

Inutile mettere autovelox se poi il raggio di curva resta quelli dei tempi delle diligenze con i cavalli, nonchè carreggiate cinte da alberi secolari, belli si, ma micidiali in caso di una collisione con un veicolo.

Basta incolpare gli automobilisti di scarsa prudenza, quando ad esiste un incrocio in curva (vedasi appunto quello dove ieri è stato teatro di due incidenti analoghi – Cimina-Sutrina) poco segnalato ed al termine di un rettifilo.

Presidente Rocca, i Viterbesi ti hanno dato il voto, ma non li hai “premiati” con la nomina di almeno un assessore in Giunta, hai parlato della Trasversale E45 ormai in definizione, della Ferrovia, ma ti sei dimenticato del completamento della Cassia bis da Monterosi alla Superstrada, cioè l’indispensabile moderno collegamento tra un capoluogo di Regione ed un suo capoluogo.

Vedrai Rocca, assessore alla Sanità, che potendosi diminuire il numero dei feriti da incidenti stradale, i Pronto soccorso Ospedalieri, potranno respirare.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da