23022024Headline:

L’Italia finisce a pezzettini. 15 comuni di “Roma città metropolitana”, sognano una nuova provincia nel nord del Lazio

Ansia ai autonomia o voglia di liberamente governare ?

In blu il territorio di Roma Città metroplitana, in celeste la Provincia di Viterbo

di Andrea Stefano Marini Balestra

Viterbo,19.1.24

Non basta il maldestro disegno di “autonomia differenziata” di concezione leghista che proprio in questi giorni si discute in Parlamento, che nei piccoli centri, un’ansia di autonomia prende corpo.

A nord del Lazio, nella che fu una volta la Provincia di Roma, ora denominata Roma Città metropolitana per un’altra maldestra innovazione di anni fa, nel nord della provincia romana erano dapprima solo 8 comuni a reclamare l’uscita da Roma, adesso,sono diventati il doppio.

Lo scrivemmo su queste colonne lo scorso 28 Novembre 23 (Anche le pulci hanno la tosse …..) e sin dal giorno avemmo motivo di scherno per l’iniziativa peraltro promossa dal sindaco di Santa Merinella, sig. Tidei, che proprio mal sopporta che lui sia un sindaco di un comune di serie B “sottoposto” a quello di Roma.

Mercoledi prossimo, quindi, riunione carbonara dei 15 sindaci ribelli a Roma, che auspicano la costituzione di 4 macroaree di cui una che comprende: Civitacecchia, Tolfa ed Allumiere, un’altra: Bracciano, Trevignano, Manziana, Canale Monterano ed un’altra i comuni del litorale viterbese: Montalto,Tarquinia e Monte Romano.

Come si può subito osservare la confusione è grande, perchè, includere comuni inseriti non nella Città Metropolitana di Roma, ma della Provincia di Viterbo, proprio con ci azzecca.

Sotto, sotto, c’à la volonta di creare una nuova provincia nel Nord del Lazio quando questa già esiste ed è la Provincia di Viterbo.

I sindaci promotori dell’iniziativa vogliono creare un altro carrozzone provinciale. E questi carrozzoni, sono proprio graditi alla sinistra, ma sgraditi ai cittadini che e dovranno pagare le conseguenze di tasca loro.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da