23022024Headline:

“Autovelox” no, ma “dossi” dissuasori di velocità, si. Cosi promette l’assessore Aronne

Programmi per ottenere riduzione di velocità percolose in città

“Dosso” giusto e perfetto

di Andrea Stefano Marini Balestra

Viterbo,2.2.24

Richiesto espressamente nel corso di un’intervista, l’arch.Aronne, attuale assessore competente per la viabilità cittadina ha riferito che l’imposizione dei 30 km/h a Viterbo è gia presente in alcune vie e che sarà esteso nei punti viari dove i “tecnici” avranno segnalato criticità.

Soggiungiamo noi. Ma magari a Viterbo fosse possibile circolare con mezzi a motore ad una velocità di almeno 30 km/h ! La verità che, proprio per gli interventi ultimi fatti, le auto non camminano e restano ferme in colonna.

Ma questo è un altro discorso.

Interrogato sulla soluzione di porre autovelox per il controllo delle velocità, l’assessore Aronne, giustificando solo difficoltà di impiantarli causa burocrazia. ha escluso che per ora possano esserci, ma, al posto loro per limitare la velocità saranno realizzati dissuasori mediante il sistema “dossi”.

Questi, già impiantati a Viterbo in epoca sindaco Gabbianelli che li fece installare davanti casa sua in Via Belluno, sia per il tipo allora usato (strisce in gomma che durarono poco), e sia, per il loro impianto non ragionato, costituirono in parte della città, pericolo per i mezzi a due ruote e necessità di pratico arresto ambulanze ed alti mezzi di soccorso, non sono stati più installati.

Da qualche anno, ne è comparso uno in rilievo di cemento in Via Belluno ed un altro in via Cattaneo, Poi nulla.

I dissuasori di velocità realizzati mediante dossi, però, non sono installabili dovunque, perchè il Cdice della strada li consente nelle vie residenziali escludendoli sulle arterie di scorrimento.

In pratica, a Viterbo, assolutamente no sulle tangenziali, sulle vie di scorrimento (vedasi v.le Capocci), ma solo nelle interne. In conclusione, la loro efficacia dove dovrebbe essere massima non è conserntita l’installazione. I “dossi” solo nelle vie secondarie, ma comunque importanti per il traffico. Si ad un’installazione alla Via del Cuculo, alla strada Palanzana e strada Respoglio diventate arterie trafficate anche per motivi turistici.(accesso al Parco dell’Arcionello).

Per l’assessore, con cui stavolta stiamo d’accordo, l’uso degli autovelox non sarà praticato in Città dal Comune, però l’installazione di dossi per limitare le velocità, non ssaranno del tutto il toccasana della limitazione delle velocità veicolare perchè, nei punti in cui dovrebbero esserci, non è possibile porli secondo il Codice della strada.

Si inizi intanto nelle vie interne dei nuovi quartieri e nelle strade ormai diventate tangenziale di fatto (strada Cuculo tante per es.), ma sopratutto, spetterà alla educazione stradale degli utenti della strada moderare comunque la velocità. anche, qui però, tutto un altro discorso.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da