23052024Headline:

Stadio Friuli, 14.4.23, il tifo del calcio da lezione di “Fair-play”

Miracolo" ad Udine, tifoserie del calcio d'accordo

Il calcatore Ndicka rassicura dall’Ospedale

di Andrea Stefano Marini Balestra

Viterbo.15.4.24

Di “regola” la stampa scrive e fa conoscere le “malefatte” dei tifosi di squadre di calcio, prima, durante e dopo le partite, ora finalmente, due righe per narrare il contrario.

Ieri, durante la partita di Serie A che si stava giocando allo Stadio “Bluenergy Stadium” di Udine tra la Roma e l’Udinese, è avvenuto il “miracolo” , cioè, che entrambe tifoserie, prima accese per sostenere i loro beniamini, abbiano di colpo taciuto. Un giocatore della Roma, per non ben chiaro motivo: malore improvviso, o per precedente azione giuoco, è crollato a terra praticamente inanimato.

E’ sceso il silenzio. Si è subito pensato al peggio per la prontezza delle cure prestate tra cui l’uso di un defibrillatore e poi il trasferimento fuori dal campo in barella del malcapitato.

Non si sono udite frasi del tipo: “devi morire, devi morire,etc…” ma commozione.

L’arbitro, dopo conciliaboli con i dirigenti delle sue squadre favorevoli alla sospensione dell’incontro i qual momento in parità (1 a1), ha fischiato la sospensione, quindi a data da destinarsi la fine della partita interrotta al 32° del secondo tempo.

Nessuna contestazione dagli spalti. Piena condivisione per la decisione presa che per i tifosi della Roma, costa un’altra trasferta in Friuli di 700 kilometri in una giornata forse lavorativa.

La posta in giuoco per le due squadre era importante. Per la Roma la rincorsa al 4° posto in classifica dopo lo stop della diretta avversaria Bologna e per l’Udinese la lotta per la salvezza.

Nonostante tutto ciò, dalle tribune, dalle curve, il silenzio e la commozione per quanto era avvenuto e per l’apprensione di conoscere le condizioni del giocatore romanista.

Finalmente una bella lezione di Fair play data da entrambe le tifoserie che fa dimenticare le “bravate” anche mortali che in passato si è stati costretti registrare sui media.

Che il calcio stia cambiando anche tra gli spettatori ? Un augurio per tutti e per lo Sport.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da