23062024Headline:

Remo Parenti: vox clamantis in deserto. Cinghiali, tutto come sempre

non basta un cartello per la lotta ai cinghiali

Redazione

Viterbo,28.5.24

Il Presidente di Confragricoltura Viterbo-Rieti, Dr.Remo Parenti, ha nuovamente, come già in passato,,segnalato che il comparto agricolo della Tuscia sta subendo danni per colpa della enorme diffusione di cinghiali.

Ma, nessuna delle autorità comunali,provinciali e regionali gli da ascolto.

Nel frattempo, nell’inerzia di chi potrebbe provvedere, intere coltivazioni di mais, recentemente seminate, stanno subendo l’attacco degli ungulati e cosi nemmeno possono sviluppare. Non è perchè l’azienda del Dr.Parenti sia stata colpita, ma perchè a Lui pervengono lamentele degli associati imprenditori agricoli, ormi stanchi delle promesse di contenimento fatte dalle autorià amministrative. preposte.

Abbiamo letto di iniziative prese dalla provincia di Viterbo che ha anche un ufficio per la raccolta delle segnalazioni di presenza cinghiali e dei loro danni e di posa di fototrappole e programma di cattura ed abbattimento selettivo, ma in pratica, però non si è visto nulla.

Conclusione.

In Città lo scorrazzare dei cinghiali deve essere controllato dal Comune che l’obbligo della cattura degli animali vaganti, nessun provvedomento, in Provincia l’obbligo di regolare la presenza nelle campagne altrettanta inerzia e la Regione quella di normare in materia, solo provvedimenti senza poi applicazione,

Questo succede nell’anno 24esimo del terzo millennio.

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da