23062024Headline:

Turisti si, ma se maleducati, NO, ne va del nostro orgoglio nazionale

“overturism” a Venezia

Riceviamo e pubblichiamo, previo commento del Direttore

Redazione,

Viterbo,15.5.24

Per l’Italia, nazione priva di ricorse minerarie e non solo, il turismo viene considerato il “petrolio” perchè sempre stato in grado accrescere occupazione, quindi, PIL nazionale in maniera evidente.

Però, però,però, i milioni di stranieri che vengono da noi, anche in misura maggiore il passato per le turbolenze politiche e belliche di paesi a noi vicini, non sempre rispettano il popolo italiano, le sue tradizioni, le sue leggi ed il modo di vivere all’italiana che poi è tanto apprezzato e copiato.

In molte località turistiche italiane sono sorti comitati che hanno denunciato la sovrabbonanza di presenze turistiche come elemento negativo.

Un’analisi di comportamenti dei turisti stranieri in Italia è stata proposta dalla Piattaforma PREPLAY i cui risultati proponiamo cosi come ci sono pervenuti con un loro Comunicato stampa.

“Berlino, 14 maggio 2024 – In vista della prossima stagione turistica la piattaforma di apprendimento Preply ha condotto un’analisi sui comportamenti dei turisti che risultano particolarmente fastidiosi per gli italiani. Ogni anno, l’Italia accoglie circa 120 milioni di turisti, provenienti sia dal territorio nazionale che dall’estero, posizionandosi così tra le cinque destinazioni turistiche più ambite al mondo. Questo settore coinvolge circa 1,5 milioni di italiani in termini di occupazione.

Il sondaggio evidenzia l’orgoglio degli italiani per la loro cultura, l’ambiente e le tradizioni culinarie. I risultati mirano a sensibilizzare i turisti riguardo al loro comportamento inappropriato. Per questo motivo, saranno diffusi insieme a preziosi consigli comportamentali anche nei paesi da cui l’Italia riceve un gran numero di visitatori, come ad esempio in Germania. Lo scopo di questa analisi è quello di ridurre i conflitti e promuovere una migliore convivenza tra gli abitanti del luogo e i turisti.

Immagine 1: Risultati del sondaggio “Mi dà fastidio quando i turisti…”

La mancanza di rispetto è ciò che infastidisce di più gli italiani

Dal sondaggio è emerso che gli italiani si aspettano soprattutto maggiore rispetto per l’ordine pubblico e per i luoghi storici e culturalmente significativi.

  • Oltre i due terzi dei partecipanti al sondaggio ritengono che la mancanza di rispetto verso monumenti e luoghi d’interesse sia il comportamento dei turisti più fastidioso.
  • Un italiano su quattro è estremamente infastidito dai turisti rumorosi o da quelli che abbandonano con noncuranza i loro rifiuti.

La cultura del cibo è molto importante

La tradizione culinaria italiana è fonte di grande orgoglio per gli italiani. Tuttavia, un aspetto spesso trascurato dagli ospiti è che la preparazione dei piatti, il modo di mangiare e altri aspetti legati all’alimentazione sono profondamente radicati nella cultura del paese e sono soggetti a specifiche regole e comportamenti. In particolare gli italiani sono particolarmente infastiditi dai turisti che ordinano piatti stranieri nei ristoranti locali.

  • Il 19% degli intervistati ritiene questo comportamento inappropriato, specialmente considerando l’ampia varietà offerta dalla cucina italiana.
  • Il 18% degli intervistati è infastidito dal vedere turisti stranieri mangiare la pasta in maniera inappropriata, ad esempio tagliando gli spaghetti.
  • Circa il 12% degli italiani si sente infastidito quando i turisti ordinano un cappuccino nel pomeriggio violando le consuetudini culturali del paese che li accoglie.

È evidente la necessità di una maggiore educazione e comprensione della cultura altrui. L’anno scorso l’Italia ha accolto circa 79 milioni di turisti, di cui oltre la metà provenienti da paesi stranieri. I tedeschi costituiscono il gruppo più numeroso, con 13 milioni di turisti. Seguono gli Stati Uniti e molti altri paesi europei. La città di Venezia è invece una meta molto popolare per i visitatori asiatici.

Anche poche parole dimostrano rispetto verso gli abitanti del luogo

È frequente che i turisti si rivolgano agli abitanti del luogo in una lingua straniera senza esitazioni, indipendentemente dal fatto che vengano compresi o meno.

  • Il 12% degli italiani si sente offeso quando viene interpellato in inglese.
  • Uno su dieci è infastidito dagli small talk.
  • Il 5% considera irrispettoso il fatto che i visitatori stranieri non conoscano nemmeno le frasi di cortesia di base, come “ciao”, “grazie” o “arrivederci”, in italiano.

Conclusione: solo un turismo rispettoso è un turismo sostenibile

L’entusiasmo dei visitatori per l’Italia è straordinario, ma in alcuni luoghi sta causando il fenomeno dell’overtourism, con conseguenze sia per i turisti che per i residenti locali. È pertanto essenziale che i turisti acquisiscano una maggiore consapevolezza sul fatto che dietro ogni attrazione, ogni luogo di interesse e ogni ristorante ci sono persone e comunità reali, le cui culture, stili di vita e privacy devono essere rispettati. Solo così possiamo garantire che nel lungo periodo il turismo non abbia un impatto negativo sull’Italia.

Ulteriori informazioni sul sondaggio  e alcuni esempi selezionati di comportamenti oltraggiosi da parte dei turisti in passato possono essere consultati qui: preply.com/it/blog/sondaggio-comportamenti-turisti”

Informazioni su Preply: Preply è un marketplace online per l’apprendimento delle lingue che mette in contatto i tutor con centinaia di migliaia di studenti in 180 Paesi del mondo. Più di 40.000 tutor insegnano oltre 50 lingue, grazie ad un algoritmo di apprendimento automatico che consiglia i migliori tutor per ogni studente. Fondata negli Stati Uniti nel 2012 da tre fondatori ucraini, Kirill Bigai, Serge Lukyanov e Dmytro Voloshyn, Preply è cresciuta da un team di 3 persone a un’azienda di oltre 600 dipendenti di 62 nazionalità diverse, con uffici a Barcellona, New York e Kiev.

ABCD Agency Silvia Giovanellasilvia@abcd.agency
Silvia GiovanellaJunior Content Marketing Manager
ABCD AGENCY UG (haftungsbeschränkt)

Koppenplatz 1010115 Berlinwww.abcd.agency

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da