03022023Headline:

La finale di Sanremo minuto per minuto

Dear Jack out, Alessio Bernabei 14esimo, la Pravo sesta (ma nessuno l'ha sentita)

L'Ariston. Il palco, non la lavatrice

L’Ariston. Il palco, non la lavatrice

Pa-ra-papapa-papà. Pa-ra-papapa-papà. Parapapapa-para-pa-pa-pa. Pa-pa-pa. Perché Sanremo è Sanremo. E se dio vuole ce lo siamo levato. E nei prossimi 360 giorni potremo scrivere di altro e di altri. E se mai il presidente della Provincia, Maurone Mazzola, decidesse di voler far del bene alla sua gente, il consiglio di Viterbopost è di promuovere una legge che vieti tassativamente la partecipazione al suddetto festival.
Torna (però) qui su Viterbopost e per dovere di cronaca, “tutto il festival, minuto per minuto”. Dopo il grande successo riscosso ieri. Giornata nella quale ci hanno letto i soliti quattro gatti (cani). Ma nonostante tutti gli insulti sparati, nessuno ci ha querelato. Olè. Siamo salvi.
E così eccoci, di nuovo sul pezzo. Pronti a raccontarvi in differita ogni singolo inutile avvenimento della finale del concorso nazional-popolare più significativo dello Stivale (rima, e pensate come stiamo messi).
Abbiamo scorte di viveri e alcool a sufficienza. Cinque ore abbondanti di diretta Rai non ci spaventano. Orsù, stretching e si comincia.

Ore 19.20 La pizza non ha funzionato, ieri. Quindi stasera si tenta la strada delle orecchiette con cime di rapa. “Allucinogene”, giurerebbero alcuni

Ore 19.36 L’esperienza insegna: i gatti hanno già mangiato. Altro, sia chiaro

Ore 19.53 L’acqua bolle (non Roberto, che ci sarà). Parallelamente parte il toto-scommesse. “Se vince Scanu mi taglio la barba”. “Se ripescano i Dear Jack ricomincio a bestemmiare”. “Punto tutto su Arisa”. “Ma Caccamo chi è? Teo Teocoli?” “Stavolta metto a palla. Così magari capisco cosa blatera Patty Pravo”

Ore 20.04 Bernabei canta per secondo. Ufficiale. E dalle 21.30 alle 2 di notte che si fa? Costruiamo un palazzo? Scanniamo il maiale? Troviamo una cura per la calvizie?

Ore 20.05 Le brutte notizie pure stavolta viaggiano in branco. Tra gli ospiti Cristina d’Avena (proporrà i Puffi?), Renato Zero (che parlerà di suo fratello Severus Piton, appena deceduto) e Beppe Fiorello (il cui fratello invece non muore mai)

Ore 20.28 Si accende la tivù con anticipo. Fase di acclimatamento. Come i sub

Ore 20.47 Il pezzo più fico della serata: la sigla dell’Eurovisione (che fa cagare, ma meno di Rocco Hunt)

Ore 20.55 Vai con le cime di rapa. Amen (canta quello giovane e vincitore)

Ore 21.00 Collegamento. Da New York “Il volo”. Insieme a Eataly esportiamo solo sóle

Ore 21.03 Il ripescato: Irene Fornaciari. Tragedia scongiurata. Dear Jack a casa. Per i ragazzi si riapre l’ipotesi di prendere in gestione lo stabilimento “Le palmette” di Tarquinia

Ore 21.04 Leiner Riflessi ha pure il brevetto da bagnino

Ore 21.12 Bolle balla su base di Freddy Mercury. Non riportiamo per decenza i commenti legati, diciamo, al Cirinnà

Ore 21.19 Primo in gara. Francesca Michielin. Più videomessaggio di Fiorello. Due colpi così manco Podda li regge

Alessio torna-a-casa Bernabei

Alessio torna-a-casa Bernabei

Ore 21.26 Alessio Bernabei. Cavamose sto dente. Il suo pezzo ricorda vagamente quello che non ci è piaciuto ieri. Però stasera è vestito di rosso. Più tappeto, quindi, che divano

Ore 21.27 A “Le palmette” gira voce che serve anche un animatore…

Ore 21.35 Na-na-na-na-nai (con la molletta sul naso). Daje Clementino. Che senza adenoidi andrai meglio

Ore 21.38 Squilla il cellulare. È la nonna. “Oh, l’hai visto Mandarino?”. Ah nò, Clementino. “Lue. È tutto mascarato. E poi nse capisce che dice. Scrivelo fijo”. Grazie, riporterò

Ore 21.40 Patty Pravo. Mezza nuda. Mezza (forse) avvinazzata. Mezza se sente pure stasera. Mezzo me sa che era mejo ieri. Almeno uno rimaneva nel dubbio

Ore 21.48 Dalla pubblicità si apprende che Fedez scrive le frasi per i Baci Perugina. Il Governo sta pensando di bandire San Valentino. Caprarola si schiera: “Non manderemo più nocciole”

Ore 21.53 Ri-Bolle. Il ballerino. Non l’acqua della pasta

Ore 22.00 Fuori-stagione: Fragola Lorenzo. Sa di poco

Ore 22.03 Zitti zitti la prima ora è volata. Rapida e piacevole come la messa di mezzanotte a Natale

Ore 22.05 Noemi. E parte su Internet il crowdfunding: compriamole un ritornello

Ore 22.11 Giornata mondiale della radio, oggi. Guglielmo Marconi sta vomitando rum nella bara

Ore 22.12 Cristina d’Avena (52 anni). La pena di morte via ghigliottina è ancora in auge? Comunque fa i Puffi. C’avemo preso

Ore 22.23 Altra réclame: “Ballando con le stelle”. Protagonisti Rita Pavone e Lando Buzzanca. Con le stelle o con le mummie?

Elio Ac/Dc. Vincitore morale

Elio Kiss. Vincitore morale

Ore 22.25 Risolto il problema del ritornello di Noemi. Elio (in versione Kiss, voto 10) ne infila sette di fila

Ore 22.36 Panariello e Pieraccioni. Come si chiama la mafia toscana?

Ore 22.50 Arisa. Che vincerà pure, ma all’anagrafe rimane sempre Rosalba Pippa (noi votiamo Elio)

Ore 22.51 La trucca una di Piansano, dice. Quando torna le chiediamo quanto stucco a presa rapida ha dovuto impastare

Ore 22.57 Stadio. Citazione Monina: “Se la canta Vasco ‘sta canzone, esplode la folla”. Invece la cantano loro, e la folla rimane viva, non esplode

Ore 23.04 Annalisa. Stappiamo fiumi di birra Peroni. Non per lei. Ma per le (prime) due ore andate

Ore 23.16 Super-ospite. Aridanghete. Renato Zero. Canta il suo “meglio di”. Dovrebbe fare presto, quindi

Ore 23.17 Guarda che mo arifà la colletta per Fonopoli eh… Che poi ce compra solo che tinta

Ore 23.33 È arrivata la crema per piaghe da decubito comprata su Amazon. Speriamo funzioni

Ore 23.36 L’ha detto. Ha pronunciato “Fonopoli”. Due previsioni azzeccate su due. O è la sagra dell’ovvio, o semo indovini. Domani, nel dubbio, si gioca il Lotto

Ore 23.48 Il ragazzino, Rocco Hunt. Un milione di visualizzazioni su YouTube. Confermate le teorie economiche della disoccupazione dilagante e della disperazione al galoppo

Ore 00.00 Dolcenera. Blues poppato. Poco sanremese. E suonato decentemente (pure da lei, al piano). Se vince è giusto. Quindi non vincerà

Enrico Cupido Ruggeri

Enrico Cupido Ruggeri

Ore 00.08 È San Valentino. Con Enrico Ruggeri che si presenta vestito da pirla. Più che l’amore prevale la depressione. Anche Cupido si è buttato sulla vodka

Ore 00.12 Ma dopo tre ore come si chiama? Accanimento terapeutico?

Ore 00.14 Il duo: Caccamo e Iurato. Dove dovrebbero stare questi? Si rispondono da soli: “Via da qui”. E se conquistano il podio, spacchiamo lo stereo e bruciamo la colonnina dei cd

Ore 00.15 Notizia shock: li danno per favoriti in rete. Che è come puntare tutto su Andrea Bocelli in una gara di salto a ostacoli

Ore 00.19 Valerio Scanu. Presentato dopo mezzanotte poiché quei capelli “sono sconsigliati ad un pubblico facilmente impressionabile”. Il brano, se possibile, mette i capelli in secondo piano

Ore 00.23 Pure stasera c’è Cracco. Pubblicizza le cucine Scavolini. Nteressantissimo. E oggi piove a ora di pranzo. Facciamo anche servizio Meteo

Ore 00.29 Telegiornale. Tre morti, il Papa sbrocca, e la Juve ha vinto col Napoli. Mancano solo le cavallette

Ore 00.32 Epilogo: Irene Fornaciari. Bene, brava, ma niente bis, please. È l’ultima. Poi sei, sette ospiti, e pure stasera l’emo sfangata

Ore 00.37 Pare che all’una Marzullo subentra a Conti e tiriamo dritti fino alle 7

Ore 00.41 Stop al televoto. Poi forse i primi tre ricantano. E nel frattempo entra Fiorello piccolo. Le cavallette a confronto sarebbero state un pocket coffee

Ore 00.50 Classifica, dal 16esimo al quarto. Ultima Irene Fornaciari (rispecaggio inutile)

Ore 00.51 Alessio Bernabei, quattordicesimo. Non ha vinto. Si potrebbe andare a dormire

Ore 00.52 Arisa, Rocco e Dolcenera nella decina. Caccamo e Iurato ancora non pervenuti

Ore 00.53 Patty Pravo sesta. Quindi qualcuno l’ha capita. O forse è sulla fiducia

Ore 00.54 Migliori (si fa per dire) tre: Caccamo al quadrato, Stadio, Michielin. Viterbopost ipotizza che il meccanismo del televoto si sia in qualche modo inceppato

Il deejay Franco, sabato al bar di Vetriolo

Il deejay Franco, sabato al bar di Vetriolo

Ore 01.00 Deejay franco-giamaicano. Forse di nome Franco e di cognome Giamaicano. Deejay per hobby, però, almeno questo è sicuro

Ore 01.03 Il prossimo anno per espiare i nostri peccati avremmo deciso di optare per la goccia cinese. O per il sale sotto i piedi. Questa tortura qua proprio ci sembra la peggiore

Ore 01.05 Altro ospite: Guglielmo Scilla. Ma chi è? Il gommista di Conti?

Ore 01.09 Stop al televoto. Allora non ricantano. Lacrime di commozione e abbracci fraterni

Ore 01.13 Nove minuti di ringraziamento. Tre dei citati sono morti di vecchiaia durante la stesura della lista

Ore 01.16 Agli Stadio Premio Bigazzi. Rima obbligata

Ore 01.19 Patty Pravo Premio della Critica. Ci stava anche il Premio Amplifon

Ore 01.20 Vince il 66esimo festival di Sanremo… Intanto terzi i due cosi. Si diceva, vince… Gli Stadio. Michielin seconda. E buonanotte

 

Policy per la pubblicazione dei commenti

Per pubblicare il commenti bisogna registrarsi al portale. La registrazione può avvenire attraverso i tuoi account social, senza dover quindi inserire ogni volta login e password o attraverso il sistema di commenti Disqus.
Se incontrate problemi nella registrazione scriveteci webmaster@viterbopost.it

Pubblica un commento

Per commentare gli articoli, effettua il login attraverso uno dei tuoi profili social
Portale realizzato da